Browse Category

Parchi

Scattare un’istantanea dopo 15 mesi di governo del M5s a guida Raggi mette i brividi

Trasporto pubblico fantasma, con Atac alla deriva; sistema di raccolta dei rifiuti indecente e ricondotto nelle mani di Cerroni, con i piani di rilancio di Ama vanificati; illuminazione e acqua sempre più carenti, con Acea attenta soltanto agli utili dei soci; povertà in aumento e servizi sociali in irresponsabile riduzione; urbanistica servile come e più di prima sulla base delle indicazioni di Casaleggio e Grillo; scuole, strade ed aree verdi più abbandonate che mai; iniziative culturali e sportive col contagocce; gestione del patrimonio immobiliare pubblico delegata a Corte dei Conti, Prefettura e Questura; emergenza abitativa esplosiva con il Campidoglio incapace persino di spendere i 40 milioni messi a disposizione dalla Regione; bilancio capitolino in costante allarme e prossimo al dissesto finanziario; giovani con occupazioni ancora più precarie ed imprese in fuga verso Milano e altre città del nord.
Scattare un’istantanea dopo 15 mesi di governo del M5s a guida Raggi mette davvero i brividi: Roma è una città senza guida, senza cura per gli aspetti della quotidianità e senza un’idea strategica per il futuro.

Ma purtroppo non è nemmeno tutto. Di solito, a fronte delle mancanze dei livelli istituzionali, c’è sempre stato un grande attivismo di comitati, associazioni e realtà di base che, quartiere per quartiere, spesso in autogestione o in dialettica critica, hanno conquistato miglioramenti piccoli e grandi. Da quando la Sindaca Raggi si è insediata in Campidoglio, invece, non nasce più un Orto urbano, una Palestra popolare, uno spazio sociale, un luogo di condivisione del lavoro e delle competenze (coworking), un laboratorio di produzione (fab lab), un progetto di riqualificazione con la street art, mentre molte delle migliori esperienze nate e consolidate nel passato vengono aggredite e maltrattate, ora con le trappole burocratiche (è il caso di Orti urbani e di Comitati che hanno autogestito giardini e parchi) ora con i sigilli, la polizia e gli sgomberi (come è toccato a associazioni culturali, realtà del volontariato, centri sociali). Ai problemi dilaganti in ogni ambito si aggiunge insomma un’azione di mortificazione sistematica delle migliori esperienze territoriali, in una guerra non dichiarata che risparmia soltanto quei comitati e quei gruppi che accettano un ruolo da comprimari, tra sudditanza, realtà virtuale e propaganda.

Il M5s punta a sostituire con le dinamiche da setta l’anima popolare e creativa della città, ma non può vincere…

Share

Ambiente: assurdo chiudere i Parchi

parco_brinComunicato Stampa del 19 maggio 2016

“Con i Commissari ‘tecnici’ al governo siamo giunti al paradosso: si preferisce chiudere i parchi anziché provvedere alla loro manutenzione!” – dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma VIII

“E’ il caso di Parco Brin sbarrato per la presenza di rami pericolanti, e del Parco Pullino dove dagli uffici del Campidoglio non si dà il nulla osta per una manifestazione artistica perché si ammette di non poter effettuare la pulizia.” – continua Catarci

Continua

Share

PARCHI, BASTA ABBANDONO E DEGRADO

parco_pullino3Comunicato del 26 maggio 2015

PARCHI, BASTA ABBANDONO E DEGRADO

“Per l’ennesima volta si è tornati a segnalare, in forma ufficiale, lo stato degradato dei giardini e parchi pubblici. Purtroppo, nonostante le spiegazioni tecnico-amministrative del blocco, le centinaia di segnalazioni di cittadini e Municipio non hanno sortito alcun effetto presso i competenti Assessorati Comunali all’Ambiente e alle Periferie: ovunque erba alta, sporcizia, assenza di vigilanza e azzeramento delle chiusure serali. Si è arrivati ad organizzare una raccolta fondi per pagare in proprio il taglio di quella vera e propria giungla che circondava l’area giochi per bambini all’interno di Parco Scott.

Queste preziose azioni di collaborazione e senso civico non possono essere le uniche messe in campo per la manutenzione urbana ma vanno incoraggiate e supportate dall’azione sinergica dell’Amministrazione pubblica.”

“Non si può continuare ad ignorare l’indecenza, l’abbandono ed il degrado di aiuole, spartitraffico, giardini e parchi. L’Assessorato Capitolino all’Ambiente e gli Uffici preposti mettano subito fine agli attuali disagi e restituiscano alla collettività i preziosi spazi verdi.”– dichiarazioni di Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma VIII

Share

Confronto pubblico sul futuro del Parco dell’Appia Antica – Giovedì 30 Ottobre 2014 dalle ore 15

Invito Stampa

Confronto pubblico sul futuro del Parco dell’Appia Antica – Giovedì 30 Ottobre 2014 dalle ore 15


Giovedì 30 Ottobre 2014 dalle ore 15 alle ore 20, presso la Sala conferenze Ex Cartiera Latina, in Via Appia Antica 42, si terrà il confronto pubblico sul futuro del parco dell’Appia Antica con gli amministratori regionali e comunali.

Il dibattito promosso dall’Associazione Italia Nostra, in collaborazione con l’Ente Parco Regionale Appia Antica, il Municipio VII ed il Municipio VIII di Roma Capitale, i Comuni di CiampinoMarino, avvia un confronto tra le Amministrazioni per la valorizzazione futura del Parco.

All’incontro interverranno, tra gli altri, il Presidente del Municipio Roma VIII, Andrea Catarci e gli Assessori all’Ambiente e alla Cultura del Municipio Roma VIII, Emiliano Antonetti e Claudio Marotta

Share

Appia Antica: III edizione Think Green Ecofestival

COMUNICATO STAMPA 25/9/14

Appia Antica: III edizione Think Green Ecofestival


Giunge alla III edizione il Think Green Ecofestival, quest’anno incentrato sul movimento internazionale TRANSITION TOWN che promuove la sostenibilità ambientale attraverso la diffusione di buone pratiche quali orti urbani, mobilità sostenibile, agricoltura a km 0, autoproduzione e riciclo creativo.

L’iniziativa patrocinata da Roma Capitale, Municipio VIII, Ente Parco Appia Antica ed AMA ed è realizzata col contributo del Consiglio regionale del Lazio. Il festival si terrà il 26, 27 28 settembre 2014 presso l’ex cartiera latina dell’Ente Parco Appia Antica.

“La diffusione di idee concrete per una città ecologica e la buona pratica dell’utilizzo  di materiali bioedili, di mezzi alternativi per la mobilità ed ecosostenibili, di prodotti provenienti dall’agricoltura biologica, di energie alternative a quelle tradizionali, alla consapevolezza di riutilizzare e di riciclare i beni, stanno facendo breccia nel modo di vivere quotidiano. Il Think Green Festival è un luogo di approfondimento di questi temi, dove sostenere ed espandere i concetti che sono alla base di un cambiamento nel modo di vivere quotidiano che non è più rinviabile. Dal nostro territorio parte e si rilancia questo messaggio che va esteso all’intera città.” – dichiarano Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma VIII e la Giunta del Municipio Roma VIII

“Siamo felici di ospitare nella nostra sede la II Edizione dell’ Ecofestival. “, dichiara Mario Tozzi, Commissario Straordinario del
Parco Regionale dell’Appia Antica. “Visto che si parlerà di nuovi stili di vita mi sembra un’ottima occasione per rilanciare il dibattito sulla mobilità sostenibile e la futura pedonalizzazione dell’Appia. Invitiamo tutti a lasciare la macchina a casa e venire in Cartiera e piedi o in bicicletta”.

“Il Think Green Eco Festival  torna anche quest’anno per affrontare tematiche importanti come la mobilità sostenibile, la gestione del ciclo dei rifiuti, gli orti urbani e le terre pubbliche ai giovani agricoltori. Sono proposte concrete che possono creare economia sostenibile ed anche migliorare la qualità della vita della cittadini”. A dichiararlo è Gianluca Peciola, Vicepresidente Commissione Cultura dell’Assemblea capitolina.

“L’EcoFestival promosso dal Municipio VIII e dalla Associazione Think Green Factory con il contributo del Consiglio Regionale del Lazio è un appuntamento molto utile e importante: tanti i temi di cui discutere in questa bella opportunità di condivisione e riflessione” dichiara Cristiana Avenali, consigliera regionale e componente della Commissione Ambiente.

“Tutelare l’ambiente non significa solo salvaguardare l’esistente, proteggere il territorio e garantire un futuro al pianeta, ma anche diffondere tutte quelle pratiche che contribuiscono al rilancio economico e sociale della nostra Regione” – spiega Avenali – “Tra tutti, i Parchi che come ben evidenziato recentemente da un rapporto di Unioncamere e Ministero dell’Ambiente, generano tre milioni di “green jobs”, contrastando disoccupazione giovanile, puntando su nuove idee sostenibili e innovative. Agricoltura e turismo nei Parchi, ma anche investimenti sulla mobilità nuova, sulla ciclabilità, ed interventi a sostegno degli enti locali per una gestione sostenibile del territorio, contrastano la crisi e creano un valore non solo economico, ma anche sociale e culturale”.

Conclude la Consigliera: “Puntare sulle rinnovabili, supportare l’agricoltura tradizionale e a km zero, avviare una gestione virtuosa dei rifiuti e garantire la massima attenzione all’educazione ambientale e la sensibilizzazione alla legalità sono il modo più sostenibile per dare un futuro alla nostra Regione. Per questo ritengo molto importante il sostegno della Presidenza del consiglio regionale a questa iniziativa”.

scarica il programma dell’evento

Share