Browse Category

Roma Capitale

Salario accessorio: senza soluzione nei Municipi sarà una catastrofe

manifestazione15gennaio16Comunicato Stampa del 16 gennaio 2016
Salario accessorio: senza soluzione nei Municipi sarà una catastrofe
“Se la sciagurata ipotesi di azzeramento del salario accessorio dei dipendenti capitolini venisse confermata martedì nel prossimo confronto con i sindacati in Campidoglio, per i servizi municipali sarebbe una catastrofe!” – dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma VIII
“Oltre ad aver espresso solidarietà e vicinanza a dipendenti e sindacati direttamente durante il presidio in Campidoglio, mentre arrivavano le drammatiche notizie dal confronto sindacale, si può solo rimarcare che il taglio degli stipendi al personale capitolino avrà inevitabili ripercussioni sull’erogazione dei servizi. Infatti, le voci del salario accessorio sono legate all’effettuazione di quelle particolari prestazioni che permettono l’allungamento orario dell’apertura al pubblico dei servizi. Senza la parte accessoria dello stipendio non si potrà più aprire gli sportelli demografici e tutti quelli a contatto con il pubblico nel pomeriggio, scuole e asili nido dovranno chiudere anticipatamente, la Polizia Locale e il personale impiegato nei servizi di emergenza avrà i turni bloccati non garantendo la presenza in servizio nel pomeriggio, nelle notti e nei festivi.” – prosegue Catarci
“Oltre ad affamare ed umiliare i dipendenti si bloccherebbero i servizi all’intera cittadinanza. La gestione commissariale, nominata direttamente dal Governo Renzi, ha confermato che se non si arriverà ad una soluzione nel prossimo incontro procederà alla rimodulazione dei servizi alla città. Siamo quindi tutti direttamente coinvolti e tutti quanti dobbiamo sapere da quale parte stare. Il Governo Renzi non avrà come controparte solo sindacati e dipendenti capitolini ma l’intera comunità cittadina.” – conclude Catarci
Share

Difendiamo i Nidi Pubblici e le Scuole dell’infanzia comunali

nidi_imgPer contrastare le previsioni deliberate dal Commissario Straordinario Tronca e contenute nel Documento Unico Programmatico 2016 – 2018 di Roma Capitale, Istituzioni, Sindacati, Insegnanti, Educatrici, Famiglie, organizzano un’iniziativa Pubblica:

Giovedì 14 gennaio 2016 alle ore 16.30

presso la sala Consiglio del Municipio Roma VIII

in via Benedetto Croce, 50

Interverranno:

  • Il Presidente del Municipio Roma VIII, Andrea Catarci
  • L’Assessora alla Scuola del Municipio Roma VIII, Paola Angelucci
  • Gli Assessori e i Consiglieri del Municipio Roma VIII
  • Il Segretario della FP CGIL – Fabio Moscovini
  • Il Segretario della CISL FP – Giancarlo Cosentino
  • Il Segretario della UIL FPL – Francesco Croce
  • La Segretaria del CSA – Catia Mineo
  • La Delegata USB Roma Capitale – Cinzia Conti
  • Le Lavoratrici di Scuole dell’infanzia e degli asili nido
Share

‪#‎perRoma‬ – Le esperienze di centrosinistra per il rilancio della Capitale

per_roma_manifesto‪#‎perRoma‬

Le esperienze di centrosinistra per il rilancio della Capitale

L’appello dei Municipi di Roma ed una iniziativa per definire un campo largo e preparare una vasta coalizione composta da realtà sociali, politiche, sindacali, economiche, culturali, di movimento, del volontariato, dell’associazionismo, del civismo – promossi dai Municipi di Roma, da Presidenti, Assessori, Consiglieri, da attivisti, cittadini, militanti -, da cominciare a costruire il 23 gennaio 2016 al teatro Brancaccio – ore 10 Per adesioni invia una mail a municipiperroma@gmail.com

Di seguito l’appello congiunto dei Presidenti di Municipio di Roma Capitale

Siamo rappresentanti dei Municipi di Roma, Presidenti, Assessori, Consiglieri.
Siamo attivisti, cittadini, militanti.
Siamo quelli che nei territori si impegnano a costruire tutti i giorni risposte per i cittadini di questa città.
Siamo quelli uniti dai valori della democrazia e dell’antifascismo, che vogliono una città moderna, aperta, inclusiva, sostenibile, cosmopolita, una città senza paura.
Siamo coloro che hanno reagito con indignazione e fermezza alla pesante eredità lasciata dal centrodestra di Alemanno e dall’emersione del fenomeno degenerativo di Mafia Capitale, che non solo ha inflitto a Roma una grave ferita, ma che ha messo a rischio la credibilità e il lavoro portato avanti con passione e serietà.
Siamo coloro che si sono fatti carico dello smarrimento seguito alla conclusione anticipata della giunta Marino in Campidoglio, di cui conoscevamo limiti e contraddizioni, ma rispetto alla quale pensiamo che ci siano aspetti che possano e debbano essere recuperati.
Siamo quelli che non si fermano nell’azione #perRoma solamente perché ci sono le elezioni alle porte, ma che continuano ad attuare pezzi di programma condiviso, con e nei territori, pur nelle difficili pieghe del lungo e ademocratico Commissariamento che la città sta attraversando. Per questo ci sorprende che a pochi mesi dalla tornata elettorale molti leader politici si preoccupino solo di posizionamenti nazionali e alchimie, mentre in pochi pensano al futuro della città: Roma è questione nazionale e senza di essa non si governa l’Italia, se non riparte Roma non riparte il Paese.
Proprio nei Municipi in questi anni abbiamo difeso e puntellato la rete di un welfare locale in ritirata, risanato i conti di una città raccolta in un conclamato dissesto finanziario, difeso la natura pubblica e la qualità dei servizi educativi e scolastici, lottato per avere scuole più sicure.
Abbiamo messo al centro della nostra azione gli interessi di Roma, chiamando ad una assunzione di responsabilità il Parlamento e tutte le Istituzioni preposte sui nodi strutturali da affrontare: lavorare per una trasformazione urbana rispettosa delle norme, dell’ambiente e attuata in tempi certi; assicurare una gestione ordinaria di qualità nel trasporto pubblico, nelle manutenzioni del territorio; scommettere con il mondo produttivo su un patto per lo sviluppo che punti sull’innovazione, superando rendite di posizione ormai obsolete; far ripartire gli investimenti, valorizzando l’immagine di Roma, per preparare sfide storiche e di visibilità internazionale; trasformare completamente la macchina amministrativa sburocratizzando la città, valorizzando e non punendo i dipendenti pubblici, rafforzando gli uffici comunali, responsabilizzando i dirigenti; rivedere complessivamente e strutturalmente la governance di Roma, con una legge che ridisegni poteri e funzioni della Città metropolitana in rapporto con la Regione Lazio e i Municipi.
per_roma_1È da questo approccio che vogliamo ripartire, convinti che sia giunto il momento di rimettere al centro Roma e il suo futuro, le enormi potenzialità della città più bella del mondo: tutt’altro che luogo senza anima dove tutto va male e dove c’è spazio solo per furbizie e ruberie alternate al degrado, all’ inefficienza dei servizi pubblici o al timore di attentati.
Lo vogliamo fare promuovendo un’occasione di confronto pubblico in cui sia possibile discutere di idee, proposte e strategie per la Capitale del Paese a partire da ciò che di positivo in questi anni è stato prodotto nei territori ed anche sul terreno del governo, nei Municipi come alla Regione Lazio.
Lo vogliamo fare per verificare se esistono i presupposti, su questa base, per rimettere in campo un’opzione progressista capace di battere le destre e i populismi, che parlano il linguaggio della xenofobia e della paura o catalizzano il rancore nella foga iconoclasta senza avanzare mai nessuna proposta.
Per questi motivi invitiamo tutti ad un incontro pubblico al teatro Brancaccio il prossimo sabato 23 gennaio. Dalla politica alle associazioni, dai singoli professionisti ai soggetti organizzati, alle forze sindacali ed economiche, alla cultura, al civismo, ai movimenti, al volontariato. Tutte figure che, per i ruoli che ricoprono, per le analisi di contesto che svolgono o per le contingenze in cui sono impegnati, rappresentano oggi un punto di vista imprescindibile.
Un confronto a tutto campo che abbia al centro un solo punto: il futuro della nostra città.
A noi stessi e a tutti coloro che verranno chiediamo due cose: una passione capace di riscattare Roma dalle umiliazioni e un’idea, un progetto capace di accenderla e prospettarle un futuro possibile.
Noi siamo pronti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

per_roma_2

Share

Sui nidi faremo le barricate

nidi_imgComunicato stampa del 4 gennaio 2016

Sui nidi faremo le barricate

 

“Il Commissario Tronca non batte un colpo sui problemi specifici segnalati dai Municipi territorio per territorio. Al contrario, dimenticandosi del carattere provvisorio e ademocratico della sua carica, rilancia la malsana idea di privatizzare gli asili nido – dando luogo ad una vera e propria svendita – demolendo uno dei sistemi educativi che, malgrado tagli ingenerosi, è ancora tra i più avanzati d’Italia. In più si paventa l’ipotesi di passaggio delle scuole dell’infanzia comunali allo Stato. Come prima conseguenza di queste scelte in solitaria ci sarà impossibilità di procedere alla stabilizzazione di centinaia di educatrici e insegnanti precarie.” – dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma VIII

“Possibile che due cose così importanti non passino neanche al vaglio dei Municipi? Tutte e due queste sciagurate ipotesi troveranno ferma opposizione fino alle barricate.” – conclude Catarci

Share