Browse Category

Comunicato Stampa

Catarci: La Sindaca ha paura del Municipio Roma VIII?

Comunicato Stampa del 5 maggio 2017
 

La Sindaca Raggi viene per la seconda volta nel Municipio Roma VIII e non avendo il #coRaggio di promuovere un incontro pubblico con i cittadini e le realtà territoriali ne organizza uno addomesticato, avvisando solo i militanti M5s ed i suoi amichetti, alla faccia della democrazia, della trasparenza della serietà e persino della dignità” dichiara Andrea Catarci

Dopo il disastro combinato in 10 mesi, la ‘guerra incivile’ tra le fazioni del M5s locale, le dimissioni dell’ex Presidente Pace, la iattura del commissariamento, il M5s non trova nemmeno un pò di onestà intellettuale per ammettere colpe individuali e di partito e per dimostrare un minimo di rispetto per i nostri quartieri.

Sulla pelle della cittadinanza locale il M5s intende lasciar passare tempo, per far dimenticare lo scempio di cui è stato capace in Ottavo, ma la Comunità locale non lo permetterà. Gia oggi con la contestazione improvvisata dalle realtà di base è stato smascherato l’imbroglio ‘carbonaro’ che la Sindaca aveva organizzato nella sede municipale. E il prossimo 25 maggio si continua, nella stessa sede, con il primo Consiglio Popolare del Municipio Roma VIII.
Perché dopo l’ex Presidente Pace tocca alla Sindaca-commiss
aria Raggi…

Da Sindaca sei uno sconforto,
da commissaria nun te sopporto:
ELEZIONI SUBITO” – conclude Catarci, Coalizione Civica e Popolare del Municipio Roma VIII
Share

Catarci: Archiviata la disfatta M5s, al voto il prima possibile

Comunicato Stampa del 5 aprile 2017
 
“La prima esperienza di governo municipale M5s del Municipio Roma VIII non poteva avere epilogo più rapido e tragicomico: dopo 10 mesi, con le dimissioni del Presidente Pace, si finisce come si è iniziato, con gli stracci che volano e gli insulti l’uno contro l’altro” dichiara Andrea Catarci, Portavoce Coalizione Civica e di Sinistra Municipio Roma VIII
“Se non fosse per i servizi chiusi, per le esperienze positive mortificate, per la contrazione della manutenzione urbana, per il servilismo e l’idiozia sulle questioni urbanistiche, per il disinteresse davanti alle sofferenze ed alle emergenze sociali, per l’arroganza ed i rancori sprizzati in abbondanza contro tutto e tutti, ci sarebbe persino da ridere… – prosegue Catarci – Invece non ci viene da ridere per niente, perché il M5s locale ha ampiamente maltrattato i nostri quartieri e perché, malgrado i giochetti delle accuse incrociate, volenti o nolenti, ‘anche se voi vi credete assolti siete lo stesso coinvolti’. Ma forse scomodare De Andrè è persino troppo, perché qui siamo di fronte alla certificazione del fallimento della corte di Re Giovanni d’Inghilterra”

“Ora servono elezioni il prima possibile, per riprendere il cammino di un territorio ed una comunità che ha l’alternativa naturale al ‘nulla’ del M5s nella propria ricchezza sociale, associativa e politica e che ha molto da dire e fare per il rilancio della città tutta.
C’è da auspicare, infine, una riflessione seria della Sindaca Raggi su quanto accaduto da noi: valuti, possibilmente con la stessa onestà politica che va riconosciuta al Presidente Pace, se lei e il suo M5s sono in grado di governare Roma o no e, in caso di risposta negativa, se ne vadano.

#tuttiacasa #MunicipioRomaVIIILibero #elezionisubito” – conclude il Portavoce Coalizione Civica e di Sinistra Municipio Roma VIII Andrea Catarci

Share

Catarci: Bilancio pubblico di 10 mesi di s-governo del Municipio Roma VIII

Comunicato Stampa del 27 marzo 2017

Catarci: Bilancio pubblico di 10 mesi di s-governo del Municipio Roma VIII. 

“Lo facciamo insieme alle realtà territoriali, ai servizi che hanno chiuso ed a quelli che hanno provato a chiudere, alle belle esperienze abbandonate al loro destino, ai progetti pluriennali maltrattati e costretti sulla difensiva, ai Comitati sorti in tutela del territorio e della qualità della vita – su questioni urbanistiche, su aspetti culturali, sportivi e socio-sanitari, in difesa dell’ospedale Cto e della sanità territoriale -, che nel Municipio Roma VIII non trovano nemmeno ascolto,per il disinteresse completo del M5s municipale.” dichiara Andrea Catarci, Portavoce Coalizione Civica di Sinistra del Municipio Roma VIII

“Lo facciamo nella Sala del Consiglio del Municipio Roma VIII (via Benedetto Croce 50), martedì 28 marzo alle ore 16.
L’appuntamento è rivolto a chi non li ha scelti e li contrasta, che insieme a noi vuole mandarli a casa il prima possibile, come a chi li ha votati e voluti: oltre gli scontri interni e le liti da condominio di cui hanno riempito le cronache fino alle dimissioni (ancora revocabili) del Presidente Pace, venite a sentire cosa hanno combinato davvero, dalla voce dei protagonisti, vittime dirette della presunzione e dell’arroganza del M5s locale” conclude Catarci.

Share

CATARCI: MUNICIPIO ALLO SBANDO, CONTINUIAMO L’OPPOSIZIONE

CATARCI: MUNICIPIO ALLO SBANDO, CONTINUIAMO L’OPPOSIZIONE
 

“Il Presidente del M5s del Municipio Roma VIII, Paolo Pace, ha rassicurato i cittadini sulla solidità della sua maggioranza. Sembra dunque che intenda ritirare le proprie dimissioni e proseguire. E noi facciamo lo stesso, presentando un atto sulla ‘truffa capitale’ di Piazza dei Navigatori e convocando le realtà territoriali per fare il ‘Bilancio di 10 mesi di sgoverno municipale’ “– dichiara Andrea Catarci, Portavoce Coalizione Civica e di Sinistra Municipio Roma VIII

 

“Con la risoluzione relativa a Piazza dei Navigatori si sostiene la necessità di:

• richiedere di nuovo lo sgombero immediato del Comparto dell’immobile in acciaio e vetri in piazza dei Navigatori, abusivamente occupato dalla Confcommercio s.r.l.;

• intervenire presso l’Amministrazione centrale affinché sia formalmente comunicata l’indisponibilità definitiva a concedere le autorizzazioni per la costruzione del terzo palazzo previsto nella Convenzione urbanistica a piazza dei Navigatori;

• richiedere all’Amministrazione capitolina la risoluzione in danno della Convenzione Urbanistica di piazza dei Navigatori;

• richiedere all’Amministrazione capitolina l’acquisizione al patrimonio comunale dell’albergo incompiuto di viale Giustiniano Imperatore – in tutto o in parte – a titolo di risarcimento per le opere pubbliche dovute e mai realizzate per la collettività” – continua Catarci.

“Ovvero: NO al terzo palazzo ed all’occupazione abusiva di quello in acciaio e vetro; SI alla risoluzione in danno della Convenzione ed all’acquisizione al patrimonio comunale dell’albergo incompiuto.

Perché non c’è due senza tre e, dopo gli atti proposti sull’edificazione I60 Grottaperfetta e sugli ex Mercati Generali – che hanno contribuito in maniera determinante all’esplosione della maggioranza M5s del Municipio Roma VIII – torniamo a riprendere l’iniziativa anche su Piazza dei Navigatori e sull’albergo incompiuto, visto che Presidente, Giunta e maggioranza M5s municipale non vogliono (o non sono in grado di) muovere un dito.

Infine, il prossimo 28 marzo, nella Sala consiliare del Municipio Roma VIII, in via Benedetto Croce 50, ci riuniremo in Assemblea pubblica con numerose realtà territoriali per fare il ‘Bilancio di 10 mesi di s-governo del Municipio Roma VIII'” conclude il Portavoce Coalizione Civica e di Sinistra Municipio Roma VIII

Share

Pietre d’inciampo, il M5s dimentica la Pietra per Alberto Di Segni: vergogna

pietre-inciampo-29COMUNICATO STAMPA 11 GENNAIO 2017

 

Le pietre di inciampo sono le targhe in ottone su sampietrini incastonate nei marciapiedi delle città d’Europa, davanti alle abitazioni di persone deportate dai nazifascisti per motivi razziali, politici, militari e di orientamento sessuale. E’ dal 1995 che l’artista tedesco Gunter Demnig ha promosso l’importante e suggestiva iniziativa. A Roma ci sono già parecchie Stolpersteine, collocate un po’ in tutti i quartieri, tra cui quella nel quartiere Ostiense, in Via Bartolomeo Bossi, alla memoria di Filippo D’Agostino, sindacalista e figura storica del Partito Comunista Italiano, rinchiuso nel Carcere di Regina Coeli, deportato e assassinato a Mathausen.” – dichiara Andrea Catarci, Portavoce Coalizione Civica e di Sinistra Municipio Roma VIII
“Proprio nel quartiere Ostiense, in via del Porto Fluviale, era prevista l’installazione di un’altra pietra, tra le 24 previste a Trastevere al Ghetto, a Porta Pinciana, a Valle Giulia, ed appunto al Porto Fluviale. Avrebbe dovuto ricordare Alberto Di Segni, ebreo romano deportato ad Auschwitz, ma al Municipio Roma VIII la nuova giunta grillina non ha trovato il tempo di aprire la lettera inviata lo scorso 3 novembre 2016 e, per la prima volta dal 1995, l’iniziativa è saltata. Da oggi Roma non ha 24 nuove pietre d’inciampo come previsto, grazie al vergognoso pressappochismo del M5s del Municipio Roma VIII ne ha solo 23, mancando quella per Alberto Di Segni che va recuperata al più presto.” – conclude Catarci.

Share