Browse Category

Abusivismo

Cartelloni pubblicitari: “la Giunta Alemanno non applica nemmeno il suo regolamento!”

Comunicato del 18 ottobre 2010

“La Giunta Alemanno con la Delibera 37/2009 ha praticamente dato il via libera alle installazioni degli impianti pubblicitari senza controllo. Ancora non soddisfatta, è completamente inadempiente sulle regole che ha scritto e voluto – dichiara il Presidente del Municipio Roma XI, Andrea Catarci -.”

“Gli Articoli 31 e 32 della Delibera 37 del 2009 prevedono: “la costituzione di appositi nuclei decentrati in grado di intervenire tempestivamente anche per ciò che riguarda la rimozione degli impianti illegali e provvedere, altresì, alla copertura immediata della pubblicità irregolare”. Nulla di tutto questo è mai accaduto; semmai, è stata ostacolata l’azione intrapresa dai singoli Enti territoriali, come il Municipio Roma XI o di quei cittadini in mobilitazione che qualche cartellone l’hanno oscurato o segnalato in proprio.”

“No sarebbe sufficiente a contrastare l’attuale scempio quotidiano, che oltre al danno paesaggistico e ambientale, pone a repentaglio la salute e la sicurezza dei cittadini, con cartelloni installati notte tempo in precaria stabilità, ma la Giunta Alemanno inizi a dar seguito a quanto ha deliberato, si suppone in piena autonomia – conclude il Presidente Catarci – Inizi anche a confrontarsi, infine, con le associazioni, le Istituzioni locali e i cittadini che, in 10.000, hanno sottoscritto la delibera di iniziativa popolare per la rivisitazione dell’attuale regolamento, nell’incontro pubblico in programma presso il Municipio Roma XI il prossimo 27 ottobre.”

Share

“Cartelloni pubblicitari: il Sindaco guardi la città ed ascolti i cittadini!”

Comunicato del 3 settembre 2010

“Stando alle parole di Alemanno relative all’imminente rimozione di 1000 cartelloni pubblicitari abusivi sembra che anche il Sindaco si sia accorto dello sproporzionato numero di strutture, spesso di grandi dimensioni, che hanno invaso Roma – dichiara il Presidente del Municipio Roma XI, Andrea Catarci –. In realtà esse sono in molti casi autorizzate ed è stata proprio la Giunta comunale, con la Delibera 37/2009, a dare il via libera a quel vero e proprio scempio che non ha risparmiato quartiere e strada della città né aree di pregio, monumenti, scuole, piste ciclabili… Quando nei mesi scorsi il Municipio Roma XI, riprendendo l’accorato appello di decine di comitati, associazioni e semplici cittadini, ha ripetutamente denunciato la situazione ed agito concretamente per contrastarla, non solo il Campidoglio ha fatto finta di non capire e non ha fornito la necessaria collaborazione istituzionale, ma si è adoperato attivamente per ostacolare e bloccare gli interventi della task force municipale creata appositamente. Poi il Municipio XI si è rivolto direttamente alla Procura, denunciando i danneggiamenti e l’impossibilità di un uso corretto di strade e marciapiede per la cittadinanza, mentre la Giunta Alemanno ha continuato a tollerare e ad incentivare la devastante pratica delle installazioni nottetempo. Ma tant’è, se oggi ci si è accorti di come è stata ridotta la città, se si tratta di rimuovere i PRIMI mille cartelloni e si inaugura una reale inversione di tendenza, è il caso di usare il classico meglio tardi che mai”.

“Se davvero è così, la Giunta Alemanno si affretti a portare in discussione la delibera di iniziativa popolare sottoscritta da 10.000 cittadini con cui si richiede l’immediata e radicale rivisitazione della sciagurata Delibera 37/2009, in modo da evitare che ai 1000 impianti pubblicitari, che restiamo in attesa spasmodica di veder eliminati, ne subentrino come al solito altre decine di migliaia –  conclude il Presidente Catarci –. Se così non sarà, invece, saremo di fronte all’ennesimo annuncio vuoto che non bloccherà l’indecente invasione, con gli interessi di pochi che continueranno a prevalere su quelli di Roma”.

Share

Che c’entra “Il Municipio XI informa” con il cartellone-selvaggio?

 COMUNICATO DEL 6 AGOSTO 2010

“Il Municipio Roma XI– dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma XI –  ha promosso il progetto “Il Municipio t’informa”, con l’obiettivo di migliorare la comunicazione ai cittadini su servizi, eventi, viabilità, cantieri, sicurezza e altro. Si tratta di un sistema di video comunicazione, realizzato attraverso 5 schermi di ultima generazione, di cui 3 già attivi in programmazione provvisoria a viale Cristoforo Colombo, viale Guglielmo Marconi e via Ostiense. Il progetto sperimentale è interamente a costo zero per l’Amministrazione e prevede un palinsesto giornaliero dedicato per il 60% alla comunicazione istituzionale e per il 40% alla comunicazione commerciale. Dopo un anno di attività, inoltre, saranno destinati al Municipio 50.000,00 euro per finanziare iniziative a carattere sociale, ambientale e culturale.

E’ veramente difficile riuscire a capire cosa c’entri tutto questo con l’escalation di cartelloni pubblicitari, abusivi ed autorizzati, che stanno facendo scempio della nostra città portando insicurezza ed offendendo il decoro. I 5 schermi (che intanto sono 5, non 500, 5000 o 36.000 come i cartelloni…) sono figli di una programmazione sviluppata in oltre un anno e mezzo, iniziata con un Piano Comunicazione e poi proseguita con un Avviso Pubblico per individuare il partner, con l’affidamento e una dettagliata Convenzione a disciplinare l’installazione e la gestione del sistema, prevedendo tra l’altro le autorizzazioni del Genio Civile per la stabilità e individuando preventivamente i luoghi idonei congiuntamente alla Polizia Municipale. Tutto il contrario, quindi, della completa deregolamentazione e del selvaggio e incontrollato proliferare degli impianti pubblicitari che Roma ha dovuto subire. Si è preso ad esempio quanto fatto già da qualche anno dal Municipio Roma XV, solo che non avendo fondi dedicati si è cercato un altro modo per la realizzazione.

Per quanto riguarda il rispetto del Codice della Strada, infine, – conclude il Presidente Catarci – mi sento di rassicurare la redazione romana de Il messaggero e quanti abbiano dubbi al proposito: a richiesta specifica di eventuali prescrizioni avanzata al Dipartimento comunale competente, riguardando arterie di grande viabilità, non è stato fatto rilevare nulla rispetto a quanto già previsto nel progetto, neanche per l’illuminazione a LED che, notoriamente, è la tecnologia  non abbagliante utilizzata per la segnaletica stradale”.

Share