Browse Category

Servizi Sociali

Profughi afgani: da oggi alle 18.30 una sistemazione fino a settembre

 COMUNICATO STAMPA del 19 luglio 2010

“Da anni il Municipio XI e le associazioni locali, lavorando per ridurne le sofferenze, denunciano l’irreale ed inumana situazione in cui sono costretti a vivere i profughi afgani all’AIR Terminal. Dopo la manifestazione dello scorso 14 luglio, con l’occupazione dell’Assessorato Comunale alle Politiche Sociali, la Giunta Alemanno ha finalmente trovato una provvisoria sistemazione, per le 150 persone attualmente presenti nell’aerea – dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio XI -.”

“Oggi dalle 18.30, gli afgani censiti dal Municipio XI saranno indirizzati in tre centri di accoglienza, dove avranno almeno un letto in cui dormire e dove potranno proteggersi dal caldo torrido. Rimane l’incognita sul futuro, in quanto non si individua una idonea soluzione alloggiativa  e l’intervento si concluderà già a settembre.”

“All’Ostiense, poi, torneranno presto altri profughi e altri richiedenti asilo che lì hanno ormai il proprio approdo naturale. Per questo occorre istituire immediatamente un presidio permanente di prima assistenza, orientamento e accoglienza – conclude Catarci –, da affidare a quelle associazioni e a quelle realtà di movimento che da sempre sono impegnate volontariamente nella zona intorno alla stazione Ostiense.”

 

Share

Il Municipio XI boccia il Bilancio di Alemanno

COMUNICATO DEL 9 LUGLIO 2010

“Il Consiglio del Municipio Roma XI ha bocciato la proposta di bilancio comunale della Giunta Alemanno – dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma XI –. Si tratta di una manovra cittadina lacrime e sangue, con un aumento generalizzato delle tariffe per asili nido, mense scolastiche, trasporti, servizio di raccolta dei rifiuti e addizionale IRPEF, che inciderà negativamente sulle condizioni di vita della città.”

“La musica non cambia se si guarda ai bilanci municipali. Nel Municipio XI la parte di spesa corrente viene più o meno confermata ai livelli dello scorso anno, senza tener conto del drammatico malfunzionamento dei servizi che, in questi mesi in cui si è stati senza documento contabile e senza risorse, ha portato ad un allungamento delle liste di attesa. Il Piano Investimenti, cioè quella parte del bilancio indispensabile per realizzare nuove opere, viene poi addirittura azzerato, con il bluff di inserire al suo interno alcuni fondi regionali che l’ente municipale si è assicurato partecipando a bandi.”

“Il Comune di Roma, insomma, per nuove opere non dà un euro né al nostro, né agli altri Municipi. Non si tratta di manovre economiche per Roma ma contro Roma – conclude Catarci –, stimolate e volute da quell’arroganza leghista ostile alla città di cui Alemanno e la sua Giunta sono succubi.”

Share