Lunedì 31 luglio: presidio ad ACEA. Senza acqua Roma muore, riprendiamoci la vita!

Appuntamento lunedì 31 luglio, alle ore 17.30 a Piazzale Ostiense 2, di fronte alla sede di Acea.

Di motivi per andare a manifestare sotto la sede di Acea di Piazzale Ostiense ce ne sono tanti:

per scongiurare il razionamento dell’acqua, se necessario con l’intervento del Governo a fronte dell’incapacità della Sindaca Raggi e della sua Giunta;

per denunciare i rischi che il razionamento dell’acqua comporta per tutti ed in particolare per chi vive in povertà;

per ricordare ai vertici aziendali ed alla Sindaca Raggi che a Roma l’acqua non è mai mancata nella storia millenaria della città;

per pretendere un Piano industriale degno di questo nome ed un’azione puntuale e rapida di risanamento delle tubature-colabrodo;

per pretendere il miglioramento di un servizio scadente nonostante gli aumenti dei costi in bolletta;

per finirla con le bugie e lo scaricabarile di chi gestisce Acea pensando più agli utili degli azionisti che all’acqua come Bene Comune;

per finirla con i prelievi scellerati ed inutili dal Lago di Bracciano, che contribuiscono ad un danno ambientale di vaste proporzioni;

per gridare che a Roma stiamo perdendo la pazienza e non siamo più disposti a tollerare tanta violenta incapacità nascosta da vuota propaganda.

Le realtà sociali, sindacali e dell’ambientalismo, le forze politiche democratiche, la Roma dei Beni Comuni, i cittadini ed i Sindaci dei Comuni del Lago di Bracciano non possono restare in silenzio di fronte a questo scempio.

Ci muoviamo?

Link all’evento su Facebook

stampa

Share

Lascia un commento