Programma – 2. La questione sociale

La questione sociale: bloccare i tagli e puntare sul welfare municipale

La programmazione delle risorse negli anni è diventata difficoltosa per i ritardi nell’approvazione dei bilanci, sommandosi ai tagli che hanno colpito in particolare l’assistenza agli anziani, agli alunni disabili nelle scuole, ai minori, nonché il sostegno alle famiglie che versano in condizioni di disagio socio-economico. Ciò ha impedito di soddisfare le esigenze della cittadinanza. Serve invertire la tendenza ed introdurre stanziamenti adeguati nei bilanci comunali, regionali e statali per le politiche sociali, sostenendo azioni e progetti per contrastare le povertà, la solitudine, l’emarginazione e il disagio, mettendo l’Ente di prossimità nella condizione di prendersi cura della cittadinanza nel suo complesso. Con i venti di crisi che non accennano a diminuire è altrettanto urgente predisporre e rendere utilizzabili strumenti inediti per il nostro Paese come il reddito minimo garantito ed il sostegno per i soggetti in formazione.

Nonostante ciò, il Municipio ha affiancato una serie di servizi innovativi ai tradizionali interventi, in risposta a bisogni emergenti e per colmare parte delle carenze strutturali del sistema. In particolare, oltre ai servizi aperti e consolidati negli anni attraverso leggi nazionali – l’Agenzia Diritti, le Ludoteche, il Centro Alzheimer, le Case Famiglia, il Centro Musicale, il Centro di aggregazione giovanile -, si sono realizzati i 24 servizi seguenti a costo zero, essenzialmente investendo nella collaborazione con associazioni, comitati e realtà sindacali disponibili a mettere a disposizione della collettività materiali, tempo e competenze.

  • Spazio Donna, consulenza e sostegno psicologico e legale, con l’Associazione Assolei e la Consulta Femminile
  • Sportello Dispersione Scolastica, azioni di contrasto dell’abbandono e della dispersione scolastica dei minori, con l’Associazione Di.Sco.
  • Sportello Rebibbia, consulenza e orientamento alle persone detenute ed alle loro famiglie, con l’Associazione Il Viandante
  • Spazio Salute Mentale, informazione e orientamento per i portatori di disagio mentale e loro famiglie, con l’Associazione 180 Amici
  • Sportello Handicap, consulenza legale in diritto civile alle persone disabili, con la Consulta Handicap
  • Sportello Alcolismo, orientamento, consulenza e gruppi di auto-aiuto per persone alcoliste e loro famiglie, con le Associazioni Alcolisti Anonimi e Al-Anon/Alateen
  • Polo per l’Emergenza, primo soccorso e attivazione per eventi ed emergenze, con l’Ares 118, l’Associazione Millennium e la Prociv Arci Brigata Garbatella
  • Sportello Antiusura e antiestorsione, promozione ed attuazione di interventi di contrasto dell’usura, con l’Associazione Observo
  • Sportello Consumatori, consulenza su cartelle esattoriali, assicurazioni, credito, utenze, multe, pratiche commerciali e pubblicità ingannevole, con l’associazione CCR
  • Spazio Musicoterapia, laboratori musicali integrati per alunni con disabilità, con l’Associazione Play Musicoterapia
  • Sportello Psicologico, ascolto e orientamento a persone che vivono disagio psicologico, con l’Associazione Psicologi per i Popoli
  • Sportello Condominio, consulenza giuridica, legale, tecnico e contabile, con Anaci Roma
  • Sportello Porta del Diritto, orientamento legale
  • Sportello Home Care Premium Inail, compilazione richieste per sussidi economici per anziani e persone disabili
  • Spazio Avvocato per anziani
  • Sportello Mediazione con l’Associazione Ius Mind
  • Progetto Confini, accoglienza di migranti e rifugiati con l’Associazione Asinitas
  • Punto Intercultura, biblioteca, corsi di italiano per donne migranti, laboratori per bambini
  • Sportello municipale Gioco D’Azzardo Patologico – GAP, servizio rivolto a persone con problematiche legate al gioco d’azzardo e/o ai loro familiari
  • Consulenza Neuropsichiatrica infantile, servizio gratuito di prima accoglienza e orientamento per le famiglie residenti nel Municipio con l’Associazione Vega
  • Consulenza Familiare, servizio gratuito di prima accoglienza per il sostegno alla genitorialità per coppie o individuale con l’Associazione ASPIC
  • Consulenza Sociale, servizi di sostegno ai genitori, consulenza psicologica individuale, di coppia e familiare e sostegno psicoeducativo all’adolescente, Progetto Controcorrente
  • Consulenza Psicologica, workshop artistici e progetti di inclusione lavorativa per disabili e per adulti espulsi dal mercato del lavoro, con l’Associazione Promozione Persona
  • Consulenza Psicologica, orientamento/sostegno psicologico a persone con disagio, con l’Associazione Fermenti Attivi (presso la sede dell’Associazione)

In tal modo si è rafforzata l’assistenza alle persone e si è incoraggiato il protagonismo diffuso e la socialità, si è migliorata la rete dei servizi e sono aumentate le ‘prese in carico’.

In questa direzione si intende procedere e negli anni futuri sarà necessario rafforzare l’impostazione ed i lavori avviati in particolare con gli obiettivi di:

  • mettere al centro della programmazione le bambine e i bambini cogliendone le esigenze;
  • facilitare il protagonismo e l’espressività degli adolescenti e dei preadolescenti;
  • valorizzare l’autopromozione dei giovani, sul terreno sociale e lavorativo;
  • sostenere gli anziani con l’obiettivo del mantenimento nel nucleo familiare di appartenenza e assicurando la socialità all’esterno;
  • sostenere il cittadino disabile stimolandone l’autonomia e le capacità personali;
  • mettere a punto interventi volti a favorire l’autonomia delle persone in difficoltà;
  • moltiplicare i percorsi di inclusione dei migranti;
  • affiancare con interventi mirati le persone con disagi specifici – legati a povertà, casa, problemi all’inserimento ed al reinserimento socio-lavorativo, rischio di dispersione scolastica, ambito psicologico, vittime di usura ed estorsione, tossicodipendenze, alcolismo.

Con azioni concrete va migliorata la funzionalità e l’attrattività delle nostre ludoteche, dei centri giovanili, degli otto Centri sociali Anziani. Questi ultimi sono stati mortificati con la riduzione dei contributi e vanno al contrario sorretti nell’indispensabile funzione di socializzazione, oltre che valorizzati all’interno della rete territoriale.

 

Share