Multiservizi: partiti i 163 licenziamenti individuali

Comunicato del 20 settembre 2010
“Dopo il preavviso di licenziamento collettivo, i 163 dipendenti della Roma Multiservizi SpA, impiegati nella manutenzione urbana del verde, stanno ricevendo proprio in queste ore i telegrammi di licenziamento individuale (allegato) – dichiara il Presidente del Municipio Roma XI, Andrea Catarci -. E’ paradossale che il Presidente della Multiservizi che è allo stesso tempo l’Amministratore Delegato dell’AMA, da un lato toglie il servizio alla prima azienda affidandolo alla seconda e dall’altro rifiuta di salvaguardare le professionalità esistenti, in assoluto contrasto delle normali regole che disciplinano i passaggi di commesse nelle aziende appaltatrici di servizi pubblici.”

“Il 30 luglio, insieme al Bilancio, è stato approvato un ordine del giorno che impegna la Giunta ad assumere quanto prima 200 giardinieri, come previsto dal piano assunzionale per l’anno 2010, dando priorità all’attuale personale della Multiservizi. Non si chiedeva un  passaggio alle dipendenze dell’AMA per queste persone, perché l’assunzione da parte del Comune avrebbe dovuto portare ad una fuoriuscita definitiva dalla pluriennale precarietà ed ad una internalizzazione di parte del servizio. Ciò , però, non è avvenuto e non sembra rientrare nei prossimi programmi della Giunta Alemanno, che ha incaricato l’AMA di gestire il servizio di manutenzione del verde urbano. Ad oggi non ha ancora posto l’obbligo, previsto in tutti i passaggi di commesse nelle aziende appaltatrici di servizi pubblici, di assorbire i giardinieri della Multiservizi.”

“Possibile conclude il Presidente Catarci – che il Presidente della Roma Multiservizi, Panzironi, che è anche Amministratore Delegato dell’AMA, si dimentichi di queste persone e proceda a far inviare le lettere di licenziamento individuale?”