Sanità: Polverini e Tremonti oltre agli ospedali chiudono le porte

 

Comunicato stampa del 13 ottobre 2010

“Insieme a tante persone, operatori del settore, sindacalisti, amministratori locali e sindaci provenienti da ogni parte della regione, abbiamo portato la protesta contro la devastazione della sanità pubblica fin sotto le finestre del Ministro Tremonti  – dichiara il Presidente del Municipio Roma XI, Andrea Catarci – . Si prevede di smantellare in tre mesi  l’intero sistema regionale, tagliando  24 ospedali e oltre 2800 posti letto, assestando colpi mortali anche al CTO della barbatella.”

 

“Tremonti ha sbarrato le porte del ministero, come qualche giorno fa aveva fatto la presidente Polverini alla Regione. Entrambe, i due maggiori responsabili del massacro sociale, chiamato Piano di riordino, insieme ai loro governi di centro destra, rifiutano ogni dialogo. Per stanarli vanno create le premesse di una grande mobilitazione che coinvolga l’intero territorio regionale e non cada nei trabocchetti di chi vuole mettere territorio contro territorio, comune contro comune, nella logica del peggiore ‘dividi et impera’.”

“Il Piano di riordino va respinto nella sua completezza perché è inadeguata, irresponsabile ed insostenibile per la cittadinanza.”