ASL RM C: al CTO si chiude il pronto soccorso, il Santa Lucia sopravvive con difficoltà, ma i soldi per le consulenze non mancano mai!

Comunicato del 16 febbraio 2011

“Grazie all’inchiesta di affaritaliani.it si è potuto apprendere come la ASL RM C abbia trovato oltre 230.000 euro per pagare consulenze e incarichi vari, mentre, come ampiamente ricordato dalla Presidente Polverini e dagli zelanti Consiglieri Regionali del PDL, si chiude il Pronto Soccorso al CTO per eliminare gli sprechi ed è impossibile rimborsare il Santa Lucia per mancanza di fondi.” – dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma XI –

“Più in generale, i 24 presidi ospedalieri pubblici che vengono chiusi o ampiamente menomati nel Lazio consentiranno di risparmiare una trentina di milioni di euro, cifra ovviamente irrisoria per la risoluzione delle problematiche del sistema sanitario regionale.”

“Per la Giunta Polverini e il centrodestra i Pronto Soccorso presenti sul territorio, sorti a garanzia di quel diritto alla salute sancito dall’articolo 32 della Costituzione, sono da considerare inutili sprechi, a differenza delle costosissime consulenze della ASL RM C, considerate indispensabili e necessarie. E’ questo il Piano di riordino voluto dalla Presidente Polverini? Tagliare i servizi per lasciare libere somme cospicue da disporre come meglio si crede?”