L’Atac allontani da San Paolo ogni volontà speculativa

Comunicato del 28 aprile 2011
“Dopo tre anni di silenzio assoluto, quell’Atac malandata, malgestita e
saccheggiata dalla Giunta Alemanno si ricorda di possedere importanti complessi completamente inutilizzati, come l’ex deposito di Via Alessandro Severo, nel quartiere San Paolo. Nel 2007 venne avviata una discussione tra l’Azienda dei trasporti, il Municipio Roma XI e il Comune di Roma, purtroppo mai ripresa dopo l’insediamento del centro destra in Campidoglio, su un’idea di riqualificazione che fosse sostenibile per il territorio, evitando una semplice valorizzazione finalizzata a racimolar soldi che, inevitabilmente, porterebbe disequilibri e problemi aggiuntivi sotto il profilo socio-urbanistico.
Ora sembra imminente una nuova partenza.  L’Atac e la Giunta Alemanno ricordino che la rimessa è dei primi anni del Novecento, che alcune parti vanno necessariamente conservate e annoverate nel patrimonio artistico ed edilizio della città, come l’ingresso, che in tutte le fasi dalla progettazione in poi si deve tener conto della cittadinanza locale, delle indicazioni dell’Ente municipale, dell’importanza storica dell’immobile e del suo posizionamento in una parte strategica del quartiere”.

Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma XI