Non servono parate, via la Centrale Acea da Tormarancia

Comunicato del 17 maggio 2011

“La Centrale Acea che sta nei pressi dei giardini di Piazza Lante è da anni fonte di preoccupazione per l’inquinamento elettromagnetico ed acustico, nonché per essere inopportunamente situata in uno degli ingressi del futuro Parco di Tormarancia, all’interno delle meraviglie dell’Appia Antica, a deturpare il paesaggio in una zona di grande pregio ambientale. 

Il Municipio Roma XI, per tutelare la salute dei cittadini e le proprie bellezze naturali, ha chiesto a più riprese lo spostamento altrove o, in second’ordine, l’interramento dell’impianto per ridurne potenza ed effetti deleteri. Da ultimo lo scorso gennaio si sono ribaditi tali concetti nell’ennesima lettera inviata al Presidente dell’Acea Cremonesi ed al Sindaco Alemanno. Come per le precedenti, per gli atti votati dal Consiglio municipale (e comunale), per le tante sollecitazioni informali e per le iniziative in loco organizzate da Comitati locali e associazioni ambientaliste, la risposta è stata sempre la stessa: silenzio e nient’altro. 

Il Sindaco oggi si recherà sul posto, perché mentre non ha trovato il tempo di inviare neanche una risposta di cortesia all’Ente territoriale non intende negarsi alla propaganda dei consiglieri PDL. Va ricordato che in tre anni la sua Giunta non ha mosso un dito sulla questione, con l’Acea che è salita alla ribalta delle cronache solo per gli scandali e per la volontà del centro destra di svenderla, a vantaggio di un noto costruttore ed editore cittadino. Dopo la visita odierna, che ha tanto il sapore della parata, continueremo a svolgere la nostra parte per la risoluzione della vicenda e tra sei mesi saremo a verificare la veridicità di eventuali impegni assunti dal Sindaco”. 

Il Presidente

Andrea Catarci