beni confiscati: subito il riutilizzo!

COMUNICATO STAMPA 05 giugno 2011

“Anche la nota trasmissione televisiva “Le Iene” si è interessata dei beni
confiscati alla mafie. A Roma come dimostrato dalla ricerca elaborata
dalle Associazioni Libera, Equorete, Action per i diritti, Cnca del Lazio,
daSud Onlus, Gioventù Attiva e l’Agenzia Diritti Nuova Cittadinanza, in
circa i 2/3 dei 117 casi analizzati non avviene il riutilizzo sociale
previsto dalla legge 109/96.” – dichiara il Presidente del Municipio Roma
XI, Andrea Catarci.

“Sul territorio municipale ci sono due immobili, uno a Via Barbana
(Montagnola) assegnato al Comune di Roma nel 2003 e l’altro a Via Cornelio
Magni (Piazza dei Navigatori), assegnato al Ministero delle Finanze dal
2004.  Nel primo caso il Municipio XI ha formalmente chiesto al Sindaco e
all’Assessore competente la disponibilità dello spazio per l’utilizzo a
fini culturali ed associativi. Nel secondo, un’impresa no profit lo
avrebbe dovuto utilizzare per scopi sociali ma, al contrario, il bene
rimane sotto utilizzato e in abbandono.”

“Non è tollerabile che si continui a negare alla collettività il
risarcimento sociale su beni confiscati dall’elevato valore simbolico e di
importanza strategica per gli ambiti territoriali .”