Assunzioni: da Alemanno bugie e precarietà!

Comunicato del 15 giugno 2011

“Nel nuovo piano assunzioni la Giunta Alemanno modifica quello già approvato e deliberato dallo stesso centro destra poco più di un anno fa. Lo fa fingendo che siano prossime le 1.995 assunzioni previste dal cosiddetto ‘maxi’ concorso. La realtà è ben diversa. Il Sindaco ancora una volta accetta supinamente le regole del Governo Berlusconi, nemico di Roma, che con la legge Finanziaria blocca le assunzioni nelle pubbliche amministrazioni. In più per Roma Capitale si riducono ulteriormente le assunzioni possibili perché i fondi ad esse destinate sono in parte distratti per pagare gli stipendi del Commissario governativo per il risanamento di bilancio.” – dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma XI

“Sindaco e Giunta annunciano che assumeranno tutti gli idonei delle graduatorie concorsuali in scadenza, omettendo però di comunicare che, rispetto a quanto deliberato nel 2009, dei 200 giardinieri e degli avanzamenti di carriera non c’è più traccia; che i 95 geometri, 13 Assistenti sociali e 300 Istruttori Amministrativi saranno assunti con contratto part-time al 50%, anziché a tempo pieno; che le educatrici di asilo nido e le restanti idonee della graduatoria di assistente sociale, infine, saranno assunte a tempo determinato, aumentando il già imponente peso del precariato nell’Ente Roma Capitale.”

“Di tali peggioramenti – conclude Catarci – vanno ringraziati vivamente il Sindaco Alemanno e l’Assessore al Personale Cavallari, capaci in un colpo solo di non dare risposte alla città e di regalare ai lavoratori incertezza occupazionale e esistenziale….”

Per scaricare il testo dell’accordo cliccare qui http://wordpress.tupone.it/acatarci/wp-content/uploads/sites/4/2011/06/accordo_14062011_modifica_assunzioni.pdf