Habemus bilancio, ma per la città e i Municipi non c’è futuro

Comunicato dell’11 luglio 2011

Habemus bilancio! Con gli ormai consueti sette mesi di ritardo la Giunta Alemanno ha approvato il solito bilancio antipopolare, iniquo e accentratore, che non dà futuro alla città e che riesce a scontentare tutti, dai Municipi ai Sindacati e alle Associazioni datoriali, dai movimenti all’associazionismo al mondo no profit…. Aumentano tariffe e tasse, Irpef, rette di scuole e nidi, mense, si istituisce un erroneo quoziente familiare concentrato solo sul numero dei componenti ignorando i redditi, diminuisce l’offerta dei servizi, si riducono di circa il 4% gli stanziamenti in Spesa Corrente per gli Enti municipali, che per il terzo anno consecutivo sono lasciati senza un Piano Investimenti, perché non può definirsi tale quella miseria dei 10 milioni di euro suddivisi per i 19 Municipi. In alcuni casi si aggiunge la beffa al danno, come per i 15.000 euro in Manutenzione stradale straordinaria assegnati al Municipio Roma XI, forse sufficienti a coprire qualche buca o a cambiare qualche ciglio.

Sulle voci di cui i Municipi sono direttamente responsabili come la manutenzione stradale e degli edifici scolastici, poi, i fondi restano in gran parte nelle disponibilità dell’Assessore Ghera, con una ulteriore infrazione del Regolamento comunale. L’unica attività in cui brilla con costanza la Giunta Alemanno è il disprezzo delle regole misto ad insipienza. O è stata decisa in qualche sconosciuto atto la modifica del Regolamento e l’allungamento dei tempi per approvare il Bilancio in estate?

Andrea Catarci, Presidente Municipio Roma XI