Via di Vigna Murata, l’ultima tappa della negazione dell’urbanistica

Comunicato stampa del 24 luglio 2011 

Si apprende di una ulteriore colata di cemento chiamata Centralità Laurentina, circa 24.000 metri cubi di palazzine residenziali in via di Vigna Murata, al confine tra il Municipio Roma XI e il Municipio Roma XII. Nella stessa strada e nelle immediate vicinanze è già prevista la realizzazione del Programma urbanistico Vigna Murata, con l’edificazione di un palazzo residenziale di 14 piani e di un edificio commerciale a tre livelli, su cui il Municipio Roma XI ha invano invitato da mesi l’Assessore comunale all’Urbanistica Corsini ad un confronto pubblico con la cittadinanza. Nel quadrante c’è poi la vicenda delle rotatorie di via Ardeatina che ha assunto tratti tragicomici, con un imbottigliamento giornaliero di decine di migliaia di automobili che sta ancora aspettando quell’avvio dei lavori annunciato dall’Assessore Ghera oltre due anni fa. Ma forse si è sbagliato allora a prenderlo sul serio, visto che fin dal momento in cui scelse una sede del PDL per il proclama erano evidenti gli intenti puramente propagandistici.

In maniera completamente schizofrenica si continuano a progettare ed attuare interventi oltremodo onerosi dal punto di vista sociale ed urbanistico senza tenere in nessuna considerazione i guasti che si arrecano agli equilibri della città dal punto di vista ambientale e della qualità della vita e, per di più, senza uno straccio di servizi ed infrastrutture che li affianchino.

Se si realizza il programma Vigna Murata per compensazione, la Centralità Laurentina per ripianare i debiti di Eur spa, il riuso dell’ex Fiera per coprire parte del buco della nuova Fiera, la ricostruzione dell’ex Velodromo per pagare la Nuvola di Fuksas, la svendita del patrimonio Atac come delle caserme dismesse per fare cassa e così via, a cosa si è ridotta l’Urbanistica? Cosa c’entrano compensazioni, svendite, cassa con la scienza che dovrebbe studiare il territorio antropizzato e il suo sviluppo, la progettazione dello spazio e la pianificazione organica delle sue modificazioni?

Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma XI