Cartelloni: interessi di pochi scempi per tutti!

Comunicato del 10 agosto 2011

 “Nel Piano Regolatore degli Impianti Pubblicitari si promettevano regole certe, monitoraggi, lotta all’abusivismo e maggiori controlli. Così purtroppo non è, tanto che la stessa campagna istituzionale di Roma Capitale, contro l’abbandono degli animali, è finita proprio su alcuni delle decine di migliaia di cartelloni abusivi che continuano a dar cattiva mostra di sé nei parchi, nella aiuole, sui marciapiedi, negli spartitraffico della nostra città.”

“Avevano ragione quei Municipi, tra cui l’XI, che votarono contro il PRIP definendolo una letterina a babbo natale, senza nessun elemento concreto di regolamentazione di quel  quel settore economico delle affissioni, così selvaggio da registrare la presenza di oltre 300 operatori. E, di contro, aveva solo bluffato quella Giunta Alemanno che è capace solo di parole e cattiva propaganda.” 

“Ogni giorno la città continua ad essere violentata da nuovi obbrobri di vaste dimensioni, mentre la Giunta capitolina, tra l’impotente e il connivente, ha persino cessato quei rari abbattimenti che aveva eseguito.”

“Serve riprendere urgentemente il controllo del territorio cittadino comminando tutte le sanzioni previste (già prima del PRIP!) a chi si arricchisce sfregiando i paesaggi urbani. Serve una bonifica immediata e radicale della città dai mostri di ferro e cemento che la stanno deturpando. Serve un bando pubblico per selezionare pochissimi operatori a cui affidare anche la stessa bonifica. Serve che comitati, associazioni, cittadini e Municipi riprendano vigorosamente le mobilitazioni. Serve, infine, fermare un Sindaco e una Giunta capaci solo di assecondare i poteri forti e malgovernare  la città.” – Dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma XI