Cortei: No, questa non è la nostra Roma…

Comunicato Stampa del 19 ottobre 2011

Il Sindaco di Roma, a seguito degli scontri e dopo aver già vietato le manifestazioni a Fontana di Trevi (?) e Piazza Navona, ha deciso di proteggere dalla sicura violenza dei cortei futuri l’intero centro della città. L’indispensabile misura, indubbiamente figlia di un lungo ragionamento e non di una reazione di pancia indegna di un amministratore, non resterà isolata: presto il divieto verrà esteso a tutti i quartieri, perché non è possibile abbandonare alle devastazioni ciò che non è vicino ai Palazzi del potere, ed avrà una durata indefinita, perché se limitata ad un mese che protezione è? Inoltre, fonti attendibili parlano di vertici tra Campidoglio e Ministeri competenti in cui si stanno utilizzando tutte le migliori energie intellettuali a disposizione del centro destra: oltre al coprifuoco ed all’uso già sperimentato dell’esercito, si progetta di interdire l’accesso a tutti i monumenti ed i luoghi artistici, visti i continui danneggiamenti che si susseguono malgrado l’ordine e la disciplina che il Sindaco ha imposto, si prevede di precludere a tutti gli under 60 la possibilità di girare a piedi, in motorino ed in macchina, al fine di prevenire gli omicidi che si verificano numerosi, si intende chiudere lo Stadio Olimpico e impedire le prossime partite di calcio, visto che il gran lavoro di schedatura e intimidazione svolto dal Ministro Maroni con la Tessera del tifoso ed i tanti Daspo comminati non è stato sufficiente ad evitare che in occasione del derby si verificassero tafferugli nell’area…

No Sindaco Alemanno, questa non è la nostra Roma…

Andrea Catarci (SEL)

Presidente del Municipio Roma XI