Maltempo: Scuole da chiudere, grazie Alemanno!!

Comunicato Stampa del 20 ottobre 2011

“Sono numerosi gli edifici scolastici che non sono stati utilizzabili a seguito delle abbondanti piogge. In tutti i casi i tetti non hanno retto e l’acqua ha divelto controsoffitti, invaso stanze, scale ed altri spazi.

Così insegnanti e coordinatrici del Nido Ranocchio Scarabocchio (Viale E. Spalla), del Nido Piccolo Girasole (Via T. Levi Civita), del Nido Aquilone Colorato (Viale G. Imperatore), del Nido Acquerello (Via Mantegna), hanno dovuto chiedere ai genitori dei bimbi di venirli a prendere, come alla Materna Ranocchio Scarabocchio ed alle Elementari di Viale E. Spalla e di Via Ostiense (Principe di Piemonte). In altre scuole solo l’intraprendenza del personale ha evitato la medesima situazione, come ai Piccoli Monelli (Via Casalinuovo), comunque scontando forti disagi.” – dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma XI

“Nella maggior parte dei casi l’Ufficio Tecnico municipale è riuscito a porre provvisorio rimedio, mentre anche domani resterà chiuso il Nido di Via T. Levi Civita e servirà qualche giorno ancora per il ripristino del complesso di Viale E. Spalla. La situazione più grave è quella di tre padiglioni della Elementare Principe di Piemonte – continua Catarci -, dove urgono lavori più considerevoli.”

“Non è certo un caso che ad avere avuto i problemi descritti siano stati tutti edifici più volte segnalati dal Municipio Roma XI e per cui abbiamo ripetutamente chiesto, vanamente, dei finanziamenti dedicati: ed in tutti erano previsti i rifacimenti dei tetti! – aggiunge Nicola Cefali, Assessore alla Scuola del Municipio Roma XI – 

“Per il 2011 le richieste erano di 900.000 euro per la Principe di Piemonte, di 600.000 per il complesso di Viale E. Spalla, di 250.000 per il Nido di Via T. Levi Civita, di Viale G. Imperatore e di Via Mantegna, di 100.000 per quello di Via Casalinuovo. Per non averli mai ricevuti, come il milione necessario per rifare l’Elementare di Largo da Vinci e tanti altri, per i disagi di oggi e quelli che verranno – conclude Catarci -, si ringrazia sentitamente il Sindaco Alemanno …”