Garbatella: sulla strada dove c’è la sede PDL della Ministra Meloni…

Comunicato Stampa del 26 ottobre 2011

“Da quando si è insediata la Giunta Alemanno ai Municipi non vengono più trasferite risorse. In particolare per l’indispensabile manutenzione delle strade, si assegnano ingenti somme all’Assessorato comunale ai Lavori Pubblici e alle Periferie, guidato dall’Assessore Fabrizio Ghera, che si occupa sempre più anche della viabilità secondaria oltre che di quella primaria, violando il regolamento comunale.

Tale stortura, controproducente oltre che irregolare, per il 2011 ha messo il Municipio Roma XI di fronte a questa situazione: la miseria di 175.000 euro per la manutenzione straordinaria di circa 300 km, cioè poco più di cinquanta centesimi per metro di strada o marciapiede, a fronte di un Assessorato comunale con una disponibilità complessiva di 293 milioni di euro nel Piano Investimenti. In questo quadro si costringono i Municipi ad inviare la lista delle vie su cui intervenire in via prioritaria all’Assessore Ghera, cosa che i nostri Uffici Tecnici hanno fatto a maggio.

Spesso entrano poi in gioco esponenti locali del PDL, che vanno dall’Assessore con l’obiettivo di scavalcare le istanze democraticamente elette negli ambiti municipali. In questo basso e noto giochetto che va avanti da tre anni il PDL di Garbatella, quello dove è cresciuta la Ministra Giorgia Meloni, ha superato la decenza: raccoglie firme per il ripristino di Via Guendalina Borghese, guarda caso dove lo stesso circolo ha la sede, senza mai aver presentato atti o richieste in tal senso né alla Giunta né in Consiglio municipale. Sembra una scenetta teatrale degna di un vero palcoscenico: qualcosa ci dice infatti che l’intervento sia già stato deciso dall’Assessore Ghera, che il PDL locale potrà dire che la raccolta firme ha avuto successo, che la via sarà rifatta e passerà avanti ad altre, anche molto vicine come Via Guarnieri Carducci, Via Macinghi Strozzi e Via Bono Cairoli, che seppur segnalate dal Municipio come prioritarie rischiano di non venir riqualificate”.

Andrea Catarci, Presidente Municipio Roma XI