Precari Roma Capitale: senza di loro i Municipi chiuderebbero

Comunicato Stampa del 30 maggio 2012

“L’iniziativa dei Precari storici di Roma Capitale in Campidoglio, a cui ha partecipato anche il Municipio XI, mette in risalto come all’interno dell’Amministrazione capitolina vi sia una questione che non è affatto chiusa, come invece gli esponenti della Giunta Alemanno ripetono da anni. Riguarda il futuro di centinaia e centinaia di persone, anzi di ben 1.400: 1.200 tra insegnanti ed educatrici precarie e 200 tra amministrativi, tecnici e assistenti sociali, tutti o quasi impegnati all’interno delle strutture municipali. Già con loro si è in perenne sofferenza, senza i precari gli uffici, le scuole e i nidi degli Enti territoriali chiuderebbero.” – dichiara Andrea Catarci, Presidente Municipio Roma XI

“Al di là delle chiacchiere e del cerchiobottismo dei consiglieri comunali del PDL, Alemanno e la sua Giunta più che a stabilizzare il personale a termine sono interessati a creare nuove sacche di lavoratrici e lavoratori flessibili, come sta a dimostrare il reclutamento di diverse decine di lavoratori interinali.”

“Alla luce del possibile accordo quadro sul pubblico impiego, che prevede il tenure-track (formula che nel comparto della Ricerca ha consentito di stabilizzare il personale precario) – conclude Catarci -, è necessario procedere ad una rapida stabilizzazione di tutti coloro i quali da tanto tempo, con il loro lavoro, garantiscono il funzionamento di servizi fondamentali.”