ACEA: Alemanno sospende democrazia in Campidoglio

Comunicato del 6 giugno 2012

ACEA: Alemanno sospende democrazia in Campidoglio

“Come in occasione del corteo cittadino per il mantenimento di ACEA in mani pubbliche, il primo cittadino sospende la democrazia in Campidoglio impedendo ai cittadini di assistere alla seduta dell’Assemblea Capitolina. Alemanno ha dato ordine di non far salire in Aula Giulio Cesare le 150 persone che chiedono di assistere alla seduta del consiglio, che ha all’ordine del giorno la vendita di ACEA. Nonostante insieme ai cittadini vi sia la presenza, a garanzia di una partecipazione pacifica, del Segretario cittadino del PD, di numerosi consiglieri capitolini di opposizione e del sottoscritto, le porte del Campidoglio rimangono chiuse, calpestando così, per l’ennesima volta, le più elementari regole della democrazia e dei regolamenti Statutari del Comune di Roma.” – dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma XI