Casa: Fondazioni riconosciute Enti pubblici ma gli sfratti non si fermano

Comunicato stampa del 30 novembre 2012

Casa: Fondazioni riconosciute Enti pubblici ma gli sfratti non si fermano

“Gli sfratti a Roma non si fermano mai. Oggi a due passi dalla sede del Municipio Roma XI, in via Benedetto Croce, due inquilini dell’ENPAIA hanno visto un nuovo accesso dell’Ufficiale Giudiziario, per intimare l’allontanamento dall’abitazione, l’esecuzione è stata rinviata di qualche settimana. Stride e non poco questo accanimento da parte di un soggetto che ha costituito il proprio patrimonio con risorse pubbliche e che è da considerare a tutti gli effetti Ente pubblico, come riconosciuto recentemente dalla Sentenza del Consiglio di Stato che equipara le Fondazioni degli Enti Previdenziali privatizzati ad Enti Pubblici.” – dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma XI

“Questo riconoscimento ribalta la logica che impera all’interno dei Consigli di amministrazioni di Fondazioni e Casse, che non possono più avere come scopo prioritario il profitto, bensì devono perseguire l’interesse collettivo e il bene comune.”

“Eppure ENPAIA,  ENASARCO , ENPAM, CASSA GEOMETRI e CASSA RAGIONIERI, ecc, solo nella nostra città hanno avviato migliaia di procedure di sfratto per fine locazione verso coloro i quali non hanno accettato proposte di acquisto ed esosi aumenti del canone di affitto. Visto anche le indicazioni arrivate dal Parlamento con la mozione approvata a favore degli inquilini ENPAIA, si proceda al più presto ad una moratoria degli sfratti e si proceda alla definizione di un tavolo cittadino, con Prefetto, Roma Capitale ed Enti interessati, per dirimere le vertenze in corso – conclude Catarci – a difesa di quel diritto all’abitare troppo spesso calpestato e messo da parte.”