Sulle piscine di Valco San Paolo bugie e omertà

Comunicato Stampa del 05 dicembre 2012

Sulle piscine di Valco San Paolo bugie e omertà

“Omertà e disprezzo delle regole: non ci sono altre espressioni per definire il comportamento della Presidenza del Consiglio in relazione alla vicenda del Polo Natatorio di Valco San Paolo, costato 16 milioni di euro, in funzione ed abbandonato al degrado. Da Palazzo Chigi si ripete il ritornello di una prossima consegna del Polo ma si fatica a crederci, visti i precedenti di annunci simili rimasti parole al vento.” – dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma XI

“Alla Presidenza del Municipio Roma XI ed alla Polizia Giudiziaria è stato interdetto l’accesso, in nome della presunta attività di un cantiere che in realtà risulta da mesi del tutto immobile. Si è poi spiegato che è in corso il collaudo statico dell’opera, cosa che è stata già fatta e che è stata anche inviata in copia al Municipio Roma XI (link per vedere la relazione http://wordpress.tupone.it/acatarci/wp-content/uploads/sites/4/2012/12/Relazione_collaudo_statico_piscine_sanpaolo.doc). Siamo di fronte, insomma, a un cantiere che lavora senza farsene accorgere da nessuno, al punto da non esibire neanche una tabella con le basilari e necessarie informazioni previste dalla normativa. Un cantiere che ha pretese di extraterritorialità rispetto all’Ente municipale e alla Polizia Giudiziaria, ma che è evidentemente frequentato dalle persone che danno vita ogni fine settimana al mercato abusivo tollerato vergognosamente dalla Giunta Alemanno malgrado le reiterate denunce del Municipio Roma XI e del Gruppo XI di Polizia Locale. (link per vedere la foto http://wordpress.tupone.it/acatarci/wp-content/uploads/sites/4/2012/12/spazio_mercato_abusivo.jpg )”

“Dopo lo squallido episodio odierno si sta interessando la Procura della Repubblica e tutte le Istituzioni preposte al controllo di irregolarità evidenti. Si è di fronte ad un altro capitolo di una pessima storia italiana in cui si mescolano affari privati, menefreghismo istituzionale, sperpero di denaro e disprezzo della cosa pubblica, in cui non potevano mancare – conclude Catarci – bugie e omertà.”

Le foto delle piscine abbandonate:

http://wordpress.tupone.it/acatarci/wp-content/uploads/sites/4/2012/12/piscina_1.jpg

http://wordpress.tupone.it/acatarci/wp-content/uploads/sites/4/2012/12/piscina_2.jpg

http://wordpress.tupone.it/acatarci/wp-content/uploads/sites/4/2012/12/piscina_5.jpg

http://wordpress.tupone.it/acatarci/wp-content/uploads/sites/4/2012/12/piscina_6.jpg

http://wordpress.tupone.it/acatarci/wp-content/uploads/sites/4/2012/12/piscina_8.jpg