Ex Fiera: Riparte la Fiera della speculazione

Comunicato Stampa del 12 agosto 2013

Ex Fiera: Riparte la Fiera della speculazione

“Ci risiamo! Malgrado i cambi di maggioranza a tutti i livelli, Investimenti SPA ci riprova e nel periodo agostano avvia il processo della trasformazione dell’ex Fiera di Viale Cristoforo Colombo, attraverso un bando per raccogliere le manifestazioni di interesse. Nelle sue incollabili certezze, la società che ha come principali azionisti la Camera di Commercio, la Regione Lazio e Roma Capitale, chiede di avanzare proposte per a demolizione e la ricostruzione dei capannoni dell’ex Fiera e per la realizzazione di nuove costruzioni nella zona della nuova Fiera, indicando come prioritario lo sviluppo edilizio incentrato sul residenziale. Anche gli aspetti dimensionali sono già definiti in questa frase della procedura: 275.000 m3 per Viale Colombo e 45.000 m3 per la nuova Fiera.”

“Primo, procedere ad una cementificazione di tali proporzioni rischia di far saltare definitivamente l’equilibrio della zona – già ampiamente compromesso da altre devastanti scelte come l’Accordo di Programma nella vicina Piazza dei Navigatori – e la funzionalità di un’arteria indispensabile come Viale Cristoforo Colombo. Secondo, costruire ancora case in una città che ha tantissimi edifici invenduti ed inutilizzati non serve e prevederle ‘di pregio’, con gli attuali venti di crisi, suona anche deridente e beffardo. Terzo, sacrificare il complesso per coprire una parte del buco accumulato dalla nuova Fiera è una scelta inefficace e di corto respiro, che non risolve i problemi strutturali del Polo fieristico e priva definitivamente la città di un luogo di grande valore strategico. “

“L’idea progettuale elaborata dal Municipio Roma VIII (ex XI) insieme ad Associazioni e Comitati locali propone per l’ex Fiera un tetto massimo di 120.000 metri cubi e un cambiamento delle funzioni previste, privilegiando il direzionale pubblico.”

“Si può discutere davvero o si è già avviato l’ennesimo tentativo di mortificare la democrazia per garantire gli enormi interessi che girano intorno ad un’area di 7 ettari e mezzo a ridosso del centro cittadino? Si sappia, ad Investimenti spa ed a tutti i livelli istituzionali, che non ci stiamo a subire deflagranti scelte riguardo a dimensioni e funzioni. E che da subito cominceremo ad attrezzarci per lo scontro duro.” – dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma VIII (ex XI)