CASA: arresti peggio della benzina sul fuoco

Comunicato Stampa del 13/02/2014

CASA: arresti peggio della benzina sul fuoco

“I movimenti di lotta per la casa sono un pezzo della storia civile e democratica di Roma. Oggi come ieri non è tollerabile che a problematiche tutte sociali e politiche si risponda con la repressione, peraltro spropositata rispetto ai livelli dei conflitti. Al proposito va specificato che le 17 custodie cautelari odierne servono solo a gettare ulteriore benzina sul fuoco di una città che in tema di emergenza abitativa vive già una situazione esplosiva: per l’assenza di progettualità politica e di misure concrete da decenni, non per le mobilitazioni dal basso…” – dichiara Andrea Catarci, Presidente Municipio Roma VIII.