Scuole e Nidi: situazione esplosiva, il Campidoglio ascolti i Municipi

Comunicato stampa del 27 novembre 2014

Scuole e Nidi: situazione esplosiva, il Campidoglio ascolti i Municipi

“La situazione all’interno dei nidi e delle scuole dell’infanzia capitoline sta divenendo insostenibile. Da ieri sono entrate in agitazione le supplenti giornaliere che lavorano abitualmente nei nidi del Municipio Roma VIII ed oggi insieme a numerosi genitori sono venute a manifestare il loro malcontento per le disposizioni contenute nel nuovo Contratto Decentrato. In particolare gli aspetti contestati riguardano l’impossibilità di sostituzione di parte del personale in malattia o assente per altri motivi, che produce un fuori rapporto sistematico di 12 bambini ogni giorno, cioè 12 bambini senza le due educatrici che sarebbero necessarie.”

“Già ci si trova alle prese con comunicazioni quotidiane del genere, con l’impossibilità di inviare personale supplente, sia per l’esaurimento delle graduatorie che per il contemporaneo stato di agitazione del personale supplente. Questa situazione sta mettendo in grossa difficoltà i Nidi e le Scuole dell’Infanzia dove si è costretti ad erogare servizi inadeguati.”

“Si auspica che si possa invertire la strada fin qui intrapresa con la Deliberazione di Giunta capitolina del 1° agosto 2014, e si possa perseguire, al contrario, quella di una maggiore condivisione e partecipazione, delle parti sociali e dei Municipi, alle scelte strategiche per il futuro dei servizi educativi e della nostra città.”

“Per quanto ci riguarda si ribadisce che le attuali disposizioni vanno contro una gestione responsabile delle scuole e dei nidi e mettono a rischio la sicurezza degli operatori scolastici e dei bambini.” – dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma VIII