Polizia Locale: su riforma Gruppi passo indietro di venti anni

Comunicato Stampa del 23 dicembre 2014

Polizia Locale: su riforma Gruppi passo indietro di venti anni

“Ai mass media il Comandante Raffaele Clemente  annuncia la riforma dell’organizzazione della Polizia Locale di Roma Capitale. Mentre la Giunta capitolina procede nella direzione del Decentramento Amministrativo c’è, come al solito, chi va nella direzione opposta. I Gruppi Territoriali di Polizia Locale quelli in parte legati con i Municipi di Roma Capitale, sia per la competenza geografica che per i rapporti con le Strutture politico-amministrative, per quel che riguarda la viabilità, la mobilità, l’ambiente, il sociale e il controllo del territorio. Da quel che è dato sapere, si vuole procedere con la creazione di sei macro aree al posto dei 19 Gruppi attuali, spostando la gestione dal territorio al Campidoglio. Un chiaro tentativo di centralizzare ancora di più un pezzo fondamentale del funzionamento dell’Amministrazione, già troppo gestito dal Campidoglio in palese contrasto con l’idea, avanzata anche in sede di Conferenza dei Presidenti di Municipio e nella Commissione Consiliare Roma Capitale e Riforme Istituzionali, di legare maggiormente l’attività dei Gruppi territoriali ai Municipi di Roma Capitale. Infine, ci si aspetta che il Comandante Clemente, dopo aver incassato il no delle organizzazioni sindacali, apra un reale confronto con i Municipi e tenti di non relegarli in quel ruolo di spettatori passivi che mal si addice. ” – dichiarazione del Presidente del Municipio Roma VIII, Andrea Catarci