Un nuovo “canale” di riscossione nel Municipio VIII, nasce l’Ufficio Unico delle Entrate

Comunicato Stampa dell’11 marzo 2015

Un nuovo “canale” di riscossione nel Municipio VIII, nasce l’Ufficio Unico delle Entrate

“Rilanciare il settore delle Entrate è strategico nell’economia del bilancio della città e in un’ottica di decentramento amministrativo il Municipio deve farsi trovare pronto quando verrà staccata la spina delle erogazioni da Roma Capitale. Il nuovo assetto organizzativo si propone proprio di raggiungere gli obiettivi di omogeneizzazione dei procedimenti relativi alle entrate e di rispondere agli obiettivi fissati di efficienza ed efficacia della macchina amministrativa”, affermano il Presidente del Municipio Roma VIII, Andrea Catarci e la Vice Presidente e Assessora al Bilancio, Personale e Decentramento del Municipio Roma VIII, Anna Rita Marocchi.

“Si tratta di una nuova organizzazione che ha portato ad accentrare in un unico Ufficio la gestione dei processi relativi a tutte le tipologie di Entrate di competenza del Municipio.”, prosegue Marocchi.

“Il nuovo ufficio unico delle entrate opererà in piena autonomia ma, allo stesso tempo, in pieno supporto degli altri servizi, occupandosi dell’attività di gestione di tutte le entrate tributarie ed extra-tributarie municipali e, in particolare, di: Cosap, Cip, Corrispettivi per prestazioni a domanda individuale (quote contributive, asili nido, sezione ponte); Corrispettivi per assistenza domiciliare e soggiorni estivi; Canoni derivanti dall’utilizzo delle strutte scolastiche (affidamento palestre scolastiche, centri estivi, attività culturali extrascolastiche e concessioni impianti sportivi comunali); Oneri concessori ed altre entrate di natura tecnica, nonché ogni forma di diritti di istruttoria e recupero spese.”

“In  particolare, si intende conseguire l’obiettivo di gestire in modo organico le entrate municipali – affermano il Presidente Catarci e l’Assessora Marocchi – come leva per raggiungere in tempi brevi un vero decentramento amministrativo in cui il Municipio abbia un’autonomia finanziaria propria.”