Personale: firma stabilizzazione precari sia esempio per trattativa su contratto

Comunicato stampa del 15 aprile 2015

Personale: firma stabilizzazione precari sia esempio per trattativa su contratto

“Con la firma del contratto a tempo indeterminato dei 139 precari storici di Roma Capitale si porta a compimento un lungo percorso condiviso e sostenuto da tutte le parti: Amministrazione, Sindacati e Lavoratori. Con il dialogo e la pazienza si è trovata la soluzione occupazionale per Assistenti Sociali, Tecnici e Amministrativi che da più di 7 anni lavorano presso gli Uffici capitolini, garantendo l’erogazione di servizi delicati ed essenziali. Ci si è confrontati e si è trovata, nelle maglie della legislazione nazionale, la modalità che ha permesso all’Amministrazione capitolina di raggiungere l’ obiettivo fondamentale della stabilizzazione dei precari.”

“Sul versante del contratto decentrato al contrario, si è rimasti incagliati nelle norme ed in particolare in quei dettami del MEF che impongono la penalizzazione dei lavoratori pubblici. Ci si è infilati in quei sofismi Brunettiani che nulla di buono possono portare, penalizzando i servizi per la cittadinanza e chi è chiamato ad assicurarli, dalla cui logica bisogna assolutamente tirarsi fuori.”

“Lasciare inalterati diritti e stipendi, per soggetti che da 6 anni non godono di adeguamenti salariali al costo della vita, è tanto giusto quanto necessario.”

“Nella trattativa con i Sindacati, che partirà il prossimo 23 aprile, si abbia lo stesso approccio che ha portato alla stabilizzazione dei precari: condivisione, partecipazione e dialogo sono la ricetta per un buon contratto, a tutela dei dipendenti e dei servizi da erogare alla città ”. – dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma VIII