Cultura: su Cinema d’Estate 2015 ennesima prova di presunzione

cinema-estate-2015Comunicato Stampa del 20 maggio 2015

Cultura: su Cinema d’Estate 2015 ennesima prova di presunzione

 

“Ancora una volta si è costretti a segnalare la drammatica disconnessione dell’operare della Giunta Capitolina nei confronti dei Municipi. E’ il caso del Bando per la manifestazione Cinema d’Estate 2015, dove l’Assessorato alla Cultura di Roma Capitale e gli Uffici centrali hanno scelto luoghi e locations all’interno dei Municipi, senza sentire nessuno.” – dichiarano Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma VIII e Claudio Marotta, Assessore alla Cultura del Municipio Roma VIII

“Per il Municipio Roma VIII si è individuata l’area del Forte Ardeatino, escludendo quella storica per le arene cinematografiche a cielo aperto di Piazza Brin, che per decenni ha ospitato la manifestazione Arene di Roma. Si perde, inoltre, la possibilità di inserire altri spazi, come Largo Beato Placido Riccardi e il Parco Caravaggio di Viale delle Accademie, che avrebbero potuto ospitare altri spettacoli ampliando l’offerta culturale.”

“E’ necessario un drastico ripensamento sulle modalità di governo della città, dalla Cultura alla Mobilità, dal Personale alle Scuole e ai Nidi, dal Bilancio ai Lavori Pubblici, ecc. ecc. Insistere sulla strada della presunzione e dell’autosufficienza degli Assessorati comunali, in molti casi assegnati a profili tecnico-amministrativi poco inclini al confronto politico, come l’Assessora Marinelli, – concludono Catarci e Marotta – non porta a nulla di buono.”