Comune: consegnate le priorità, non si perda un solo momento

CAMPIDOGLIOComunicato Stampa del 5 novembre 2015

Comune: consegnate le priorità, non si perda un solo momento

“L’insediamento del Commissario Straordinario Tronca è avvenuto già da qualche giorno ed i Municipi restano ancora in attesa di quel confronto operativo che in vari modi hanno già sollecitato. Per tutta risposta all’incontro con il nuovo – ed inusuale – inquilino del Campidoglio sono stati invitati soltanto i Direttori, cioè la parte amministrativa, ignorando i rappresentanti politici democraticamente eletti ed a tutt’oggi,  come previsto dalle norme, regolarmente in carica. Pur comprendendo come sia più semplice rapportarsi a persone tenute in virtù di un contratto di lavoro a rispondere alle disposizioni impartite e più complesso farlo con soggetti che esprimono una consonanza con le comunità territoriali che li hanno eletti, si ribadisce al Commissario la necessità di porre immediata attenzione alle questioni più importanti e rimaste sospese nei nostri quartieri. La stessa difficoltà di dialogo tra ‘diversi’, amministratori commissariali da un lato e espressioni della democrazia rappresentativa dall’altro, la viviamo d’altronde anche nei Municipi, ma non è un motivo valido per evitare di mettersi al lavoro con il massimo impegno e senza perdere un solo momento.” – dichiara il Presidente del Municipio Roma VIII, Andrea Catarci

“A tali scopi il Municipio Roma VIII  ha trasmesso al Segretario Generale e al Commissario Prefettizio l’elenco delle priorità locali, 15 urgenze su cui serve l’apporto degli Uffici centrali con cui si stava già operando da tempo. Si va dalla revoca del parcheggio PUP di viale Leonardo Da Vinci con il ripristino dello stato dei luoghi alla riattivazione delle due mini Zone a Traffico Limitato (ZTL) nel quartiere Ostiense, dalla conclusione del progetto di Autorecupero abitativo a Grottaperfetta alla formalizzazione della convenzione onerosa per i privati di Parco Albani, dagli interventi di tutela dell’interesse pubblico nell’ambito della Convenzione urbanistica di Piazza dei Navigatori alle preziose domeniche a piedi sull’Appia Antica che vanno ripristinate, dal completamento dei lavori sospesi nelle scuole e sulle strade di grande viabilità alla realizzazione dell’illuminazione pubblica in vari punti del territorio, alle necessarie ed improcrastinabili potature a San Paolo, Ostiense, Garbatella, Roma 70 e negli altri quartieri del Municipio. Queste ed altre questioni possono e debbono essere affrontate e portate a conclusione.”

“Sette/otto mesi di ‘sospensione democratica’ sono senz’altro troppi, almeno si utilizzi tale periodo per migliorare, laddove possibile, la vivibilità di una città che sta per entrare nel periodo giubilare ed ha innumerevoli questioni davanti.” – conclude Catarci