Salario accessorio: senza soluzione nei Municipi sarà una catastrofe

manifestazione15gennaio16Comunicato Stampa del 16 gennaio 2016
Salario accessorio: senza soluzione nei Municipi sarà una catastrofe
“Se la sciagurata ipotesi di azzeramento del salario accessorio dei dipendenti capitolini venisse confermata martedì nel prossimo confronto con i sindacati in Campidoglio, per i servizi municipali sarebbe una catastrofe!” – dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma VIII
“Oltre ad aver espresso solidarietà e vicinanza a dipendenti e sindacati direttamente durante il presidio in Campidoglio, mentre arrivavano le drammatiche notizie dal confronto sindacale, si può solo rimarcare che il taglio degli stipendi al personale capitolino avrà inevitabili ripercussioni sull’erogazione dei servizi. Infatti, le voci del salario accessorio sono legate all’effettuazione di quelle particolari prestazioni che permettono l’allungamento orario dell’apertura al pubblico dei servizi. Senza la parte accessoria dello stipendio non si potrà più aprire gli sportelli demografici e tutti quelli a contatto con il pubblico nel pomeriggio, scuole e asili nido dovranno chiudere anticipatamente, la Polizia Locale e il personale impiegato nei servizi di emergenza avrà i turni bloccati non garantendo la presenza in servizio nel pomeriggio, nelle notti e nei festivi.” – prosegue Catarci
“Oltre ad affamare ed umiliare i dipendenti si bloccherebbero i servizi all’intera cittadinanza. La gestione commissariale, nominata direttamente dal Governo Renzi, ha confermato che se non si arriverà ad una soluzione nel prossimo incontro procederà alla rimodulazione dei servizi alla città. Siamo quindi tutti direttamente coinvolti e tutti quanti dobbiamo sapere da quale parte stare. Il Governo Renzi non avrà come controparte solo sindacati e dipendenti capitolini ma l’intera comunità cittadina.” – conclude Catarci