Appalti: nuove regole penalizzano servizi e tutela del territorio

campidoglio-1Comunicato Stampa del 22 gennaio 2016

Appalti: nuove regole penalizzano servizi e tutela del territorio

“A distanza di alcuni mesi dall’emanazione delle nuove regole sugli appalti, volute dall’ex Assessore alla Legalità Sabella, si contano le pesanti ripercussioni sulla gestione di servizi importanti e sulla manutenzione del territorio. Anche se i principi ispiratori dei nuovi dettami sugli appalti possono essere condivisibili per rafforzare il controllo amministrativo, la realtà odierna di Roma fa emergere innumerevoli aspetti negativi, come nel caso  del Municipio Roma VIII.

“Sull’assistenza educativa e culturale (Aec) agli alunni diversamente abili, proprio per le regole delineate dall’Assessore Sabella che interdicono le proroghe anche di pochi mesi, il Municipio è stato costretto ad emanare un nuovo bando nel pieno dell’anno scolastico, con la inevitabile conseguenza del cambiamento, in questi giorni, di parecchi degli operatori sociali di riferimento per i bambini. Per un’inutile e dannosa rigidità, malgrado arrabbiature ed atti di Giunta e Presidenza verso la parte amministrativa per superarla, si va a vanificare il diritto all’integrazione scolastico che è il principio ispiratore del servizio.”

“Su due importanti servizi innovativi per adolescenti attivi da anni nel Municipio, il Centro Musicale ed il Centro per l’Aggregazione Giovanile, entrambe finanziati con la Legge nazionale 285/97, le due nuove aggiudicazioni hanno risentito in maniera determinante del criterio del ribasso economico, inserito illogicamente anche per questo genere di gare a scapito della qualità della proposta e del lavoro degli operatori.”
“Ancora, sulle strade di competenza del Campidoglio (grande viabilità) ricadenti nel nostro Municipio, dal 1° ottobre 2015 non c’è nessun appalto attivo per la manutenzione ordinaria e l’eliminazione delle buche pericolose, per l’impossibilità a dar seguito in tempi ragionevoli alle direttive volute da Sabella. Ciò sta obbligando il Municipio a intervenire in supplenza anche su Viale Cristoforo Colombo, Viale del Tintoretto, Via Grottaperfetta, Via Tor Carbone, Via Ardeatina… oltre che sulle tante vie di propria competenza (viabilità locale). Utilizzando solo le scarse risorse a disposizione si rischia di non poter garantire tutti gli interventi necessari fino alla fine dell’appalto.”
“In estrema sintesi, le disposizioni attuali sugli appalti hanno conseguenze disastrose sulla qualità dei servizi! Il maggior controllo, stra necessario, non può essere esercitato danneggiando i cittadini, che non sono certo colpevoli delle ruberie di “Terre di mezzo” e schifezze similari! Le regole attuali, quindi, vanno corrette il prima possibile” – dichiarazione del Presidente del Municipio Roma VIII, Andrea Catarci