Sociale: basta con i bandi del disastro

social_pride_presidioComunicato Stampa del 25/02/2016

Sociale: basta con i bandi del disastro

 

“Si esprime vicinanza e sostegno nei confronti degli operatori del Roma Social Pride che si sono incatenati sotto la sede del Dipartimento delle Politiche Sociali di Roma Capitale, in viale Manzoni, per chiedere alla gestione commissariale di rivedere i bandi di affidamento di delicati servizi alla persona e alla città” – dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma VIII

“Si è già manifestata nel recente passato, sia all’ex Giunta Marino che all’attuale Amministrazione, tutta la contrarietà del Municipio sulle modalità di elaborazione ed assegnazione al terzo settore di servizi importanti, come il verde, l’assistenza domiciliare, la scolarizzazione dei bambini rom, i centri di aggregazione giovanile, i centri interculturali e le attività sociali municipali. E’ necessario invertire la logica del ribasso e di squalificazione degli interventi sociali, al fine di garantire servizi efficienti e di qualità da un lato e dall’altro l’adeguata attenzione ai bisogni della città. Per questo il Commissario Tronca e la Sub Commissaria Vaccaro ascoltino le istanze degli operatori e aprano subito un tavolo cittadino con tutte le realtà sociali, i Municipi, le forze imprenditoriali e sindacali, per rilanciare i servizi di interesse strategico per Roma.” – conclude Catarci