Browse Category

CTO

“Ai privati si regala, al CTO della Garbatella si smantella”

Comunicato del 1 ottobre 2010  

Quello della Polverini non è un Piano di Riordino, è solo un massacro del sistema sanitario. Se nell’intera Regione si arriva a tagliare 2800 posti letto ed a chiudere ( o a ridurre ad ambulatori ) ben 24 strutture, a Roma ci si accanisce ciecamente sull’ospedale CTO della Garbatella, che perderà circa 100 posti letto, l’Unità Spinale e il Pronto Soccorso. E dire che solo lo scorso agosto, alla riapertura dell’elisuperfice, proprio la Polverini aveva affermato che l’Unità Spinale non sarebbe stata toccata. Parole vuote, visto che si procede a smantellare l’ospedale, a indebolire la stessa vocazione ortopedico-traumatologica ed a mortificare le professionalità presenti.

Dal territorio ci opporremo con ogni mezzo a tale devastazione, che risulta ancora più insopportabile a fronte di regali che vengono fatti alla Sanità privata. O non è vero, Presidente Polverini, che il Campus Biomedico di Trigoria di proprietà dell’Opus Dei potrà avere 22 posti letto in più e aprirà il Pronto Soccorso? O che il Policlinico Casilino, proprietà del Senatore del PDL Ciarrapico, avrà 80 letti in più?

Il Presidente del Municipio Roma XI

Andrea Catarci

SALVIAMO L’OSPEDALE CTO

All’interno di un piano sanitario di riordino puramente ragionieristico che prevede la cancellazione di circa 2.500 posti letto, la dismissione di una decina di ospedali e la riduzione di parte di complessi ospedalieri a poliambulatori, day hospital e servizi leggeri, il CTO della Garbatella appare come una vittima predestinata. La Giunta di centro destra guidata da Renata Polverini, appena insediata, si propone di eliminare interi reparti e fino ad un centinaio di posti, in una struttura che ad oggi ne ha 220 e che in tal modo, lungi dallo sviluppare l’eccellenza ortopedico traumatologica e dall’utilizzare al meglio il Pronto Soccorso, l’eliporto e la preziosa Unità spinale, viene indirizzata verso un’inevitabile e drammatica dismissione. L’unico criterio utilizzato per rivedere il sistema sembra essere quello di colpire i territori in cui la Polverini è stata penalizzata alle urne e sul CTO, da questo punto di vista, “pesa” quel 60% di elettori che nel Municipio Roma XI hanno scelto le forze del centro sinistra. Non si spiega altrimenti come prospettive devastanti, che già in passato si erano affacciate ed erano state opportunamente rimesse nel cassetto malgrado le pressioni governative, tornino immediatamente d’attualità, addirittura peggiorate, solo dopo pochi mesi dall’insediamento della Giunta di centro destra. Peraltro, quella che si serve del CTO e che già soffre per la carenza di strutture territoriali pubbliche e per liste di attesa non compatibili con l’efficacia diagnostica e curativa, è una delle popolazioni più anziane della Capitale, considerando l’età media di quartieri come Garbatella, San Paolo, Tormarancia.  E’ per contrastare questi irresponsabili progetti che la maggioranza di centro sinistra del Municipio Roma XI ha convocato una manifestazione di protesta per giovedì 3 giugno, alle ore 16,30, a Largo delle Sette Chiese, a cui si invita la cittadinanza a partecipare in forma massiccia.