Browse Category

Decentramento

Decentramento del verde: consegnate al Municipio VI 61 aree

Va avanti speditamente il piano di decentramento amministrativo con il quale l’Amministrazione, a partire dalla delibera di Giunta dello scorso dicembre, ha voluto dare impulso alla gestione di prossimità delle aree verdi.

Tra giugno e luglio, insieme agli assessori Sabrina Alfonsi e Tobia Zevi, abbiamo formalizzato il passaggio di competenze sulla manutenzione ordinaria e straordinaria delle aree verdi inferiori ai 20mila mq ai Municipi III (85 aree), II (69 aree), XI (38 aree) e oggi anche al VI (61 aree), prevedendo una contestuale redistribuzione di risorse tecniche e finanziarie.

L’assegnazione delle aree riguarderà via via tutti i Municipi con l’obiettivo di dare ulteriore stimolo al decentramento infracomunale e di rendere i nostri 15 enti di prossimità sempre di più attori centrali del governo di Roma Capitale.

Decentramento: 38 le aree verdi assegnate al Municipio XI

Roma 13 luglio 2022 – Il Piano di decentramento con cui Roma Capitale dà ai Municipi la possibilità di manutenzione ordinaria e straordinaria delle aree verdi fino a 20mila mq prevede l’assegnazione di 1160 aree per un’estensione complessiva di oltre 6 milioni di metri quadri.

Ai bilanci municipali sono stati già attribuiti circa 4 milioni di euro ed è stato previsto uno stanziamento di ulteriori 5 milioni.

Abbiamo iniziato, nelle scorse settimane, dai Municipi III e II, oggi è stata la volta del Municipio XI: insieme all’Assessora Sabrina Alfonsi e all’Assessore Tobia Zevi abbiamo consegnato 38 aree verdi per un totale di circa 100 mila mq.

Un ringraziamento sentito va al Presidente Gianluca Lanzi, alla Direzione Tecnica e all’Ufficio Ambiente del Municipio XI.

Alla Casa della Città oggi l’incontro pubblico “Verso l’Ama di Municipio”

In mezzo alle attuali criticità, seguite all’incendio dell’impianto di Malagrotta, alla Casa della Città e della Partecipazione abbiamo messo al centro dell’attenzione le “AMA di Municipio“.

Il progetto, avviato alla fine del 2021, consentirà di attivare livelli via via incrementali di responsabilità e autonomia gestionale a livello aziendale, potenziando le strutture che operano territorialmente, mentre parallelamente con la riforma del decentramento come amministrazione comunale stiamo puntando con decisione a valorizzare l’azione di governo dei Municipi, anche con la creazione di apposite sedi istituzionali di raccordo, indirizzo e controllo delle aziende pubbliche.

A trarne vantaggio, nei tempi medi necessari all’implementazione organizzativa, sarà la qualità del servizio erogato alla cittadinanza Grazie all’Assessora Sabrina Alfonsi, al Presidente della Commissione Ambiente di Roma Capitale Giammarco Palmieri e al Direttore Ciclo dei Rifiuti Paolo Gaetano Giacomelli.

Forza Tiziana!

Tiziana Ronzio è una donna tenace e coraggiosa.

Con queste infinite risorse di tenacia e coraggio si dedica da anni a una preziosa attività di riqualificazione strutturale e sociale del quartiere di Tor Bella Monaca, dove al civico 50 in viale S. Rita da Cascia è attiva l’associazione Tor Più Bella di cui è presidente.

Con il Sindaco Roberto Gualtieri oggi l’abbiamo incontrata per testimoniarle solidarietà e vicinanza da parte dell’intera Amministrazione capitolina a seguito delle ennesime, vergognose, minacce di cui lei e la sua famiglia sono stati vittime recentemente.

Abbiamo assunto l’impegno di intensificare la presenza sul territorio con iniziative insieme alla sua associazione e alla società civile.

Forza Tiziana!

“Municipi d’Europa”, occasione preziosa per confronto nazionale e europeo su nuovo municipalismo

In una densa giornata nel suggestivo scenario dell’Archivio Centrale dello Stato dell’Eur, voluta dall’Assessorato comunale a Decentramento, Partecipazione e Città dei 15 minuti insieme al Municipio Roma IX, si sono avvicendati i contributi dei Municipi d’Europa, grazie a rappresentanti istituzionali dei livelli comunali e municipali di Roma, Milano, Parigi, Barcellona, Londra, nonché a esponenti autorevoli del mondo accademico a cominciare dal neo Rettore di Roma Tre Massimiliano Fiorucci. 

Dalle scelte in tema di macchina politico-amministrativa complessiva e di forme intercomunali dipende gran parte dell’efficienza e dell’efficacia degli interventi, che a loro volta determinano in buona parte lo stato di salute dei centri urbani. Ricorrendo sistematicamente anche allo scambio a livello nazionale e continentale, Roma intende bruciare le tappe per realizzare la riforma amministrativa e valorizzare i 15 Municipi come organi di governo locale. Il lavoro imponente svolto nei primi 6 mesi in collaborazione tra strutture locali e centrali da questo punto di vista è incoraggiante, abbiamo ristabilito sinergie sostanziali che sembravano perdute e avviato la riscrittura formale ma ineludibile delle regole di riferimento, ovvero del Regolamento 10/99 vecchio 23 anni, all’insegna del “bilancio a budget” e del rafforzamento della città decentrata nei rapporti con aziende di servizio e polizia locale.

La riforma amministrativa è partita con vigore prima sconosciuto anche perché è stata inserita in un orizzonte chiaro, quello della città dei 15 minuti, la nostra prospettiva per Roma: contrastare le abissali disuguaglianze sociali e territoriali dotando la Capitale  di servizi di prossimità e di reti di attori sociali e istituzionali, da cui perseguire la cura del più lontano dei quartieri come del Centro e il miglioramento della qualità della vita dei romani e delle romane. Le basi sono state gettate in entrambe le macro direzioni di marcia e presto se ne vedranno anche le ricadute concrete, perché quel concetto di città dei 15 minuti che parte dell’informazione, disattenta, dipinge come astratto in realtà è già entrato nelle linee di programmazione per il futuro, attraverso i tanti progetti del Pnrr e non solo che già delineano in gran parte la Roma dei 15 minuti che verrà.

Grazie a tutti i contributi che sono arrivati, in particolare all’Assessore all’Europa del comune di Parigi Arnaud Ngatcha, a Roberto Morassut, a Beatrice Covassi Ministra Consigliera della Delegazione UE nel Regno Unito, a Sara Jaurrieta Guarner che ha relazionato sull’esperienza catalana.