Browse Category

Partecipazione

Scontri Roma: La Russa Ministro fasullo come re Giovanni d’Inghilterra

Comunicato stampa del 17 dicembre 2010

“Il Ministro La Russa, novello Re Giovanni d’Inghilterra, insulta, strepita, aggredisce gli studenti presenti alla trasmissione Anno zero. Come il più famoso personaggio è sempre di più la macchietta di se stesso e la prova di un centro destra in piena crisi di nervi prima ancora che in conclusione dell’esperienza di governo. A La Russa che si lascia andare all’amorevole la polizia vi spazza via tutti quando vuole fa eco l’ipocrisia del Sindaco Alemanno, che si è scaglia contro la magistratura, rea di aver scarcerato i giovani fermati il 14 dicembre. Dovrebbero sapere, se non altro per i loro trascorsi di militanza nella destra, che durante gli scontri di piazza di cose ne succedono tante e che le responsabilità personali vanno minuziosamente accertate prima di lanciarsi in arbitrarie dichiarazioni da giustizia sommaria.
Il giustificazionismo ed il garantismo di cui i due esponenti del PDL fanno sempre sfoggio per sé stessi e per il proprio passato, nonché per i compagni di partito da ultimo coinvolti nello scandalo di Parentopoli, lascia il posto ad un atteggiamento decisamente forcaiolo quando si tratta di guardare alle mobilitazioni sociali. Non perdono occasione, i due, di parlare alla pancia degli italiani gettando irresponsabilmente benzina sul fuoco. Eppure, mentre si è già proceduto alla convalida degli arresti per i giovani coinvolti, gli odiosi abusi della polizia documentati in diversi video non hanno avuto ad oggi alcuna conseguenza. Come si è potuto rivedere a Anno Zero, a Piazzale Flaminio un manifestante disteso a terra viene accerchiato da una decina di agenti del reparto celere, trascinato, manganellato e colpito con  calci in testa, sul petto, vicino al volto e sui reni. Saranno condannati per aggressione, violenza, lesioni e tentato omicidio, come richiederebbe in questo caso l’attuale codice penale, o chi indossa la divisa gode di una totale ed antidemocratica impunità? La russa e il Sindaco non hanno visto le immagini o su di esse hanno scelto un indecoroso ed ipocrita silenzio?”.

Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma XI

Cartelloni: giovedì 18 novembre, Consiglio aperto sulla Delibera di iniziativa popolare

Comunicato stampa 17 novembre 2010

“Rinnovando l’impegno in tema di tutela della città dal proliferare dei cartelloni pubblicitari, abusivi o legalizzati che siano, il Municipio Roma XI ha organizzato un Consiglio aperto in occasione della discussione sulla Delibera di iniziativa popolare per la rivisitazione dell’attuale regolamento. La Delibera 37/2009 voluta dalla Giunta Alemanno, infatti, ha enormemente dilatato il problema delle installazioni senza controllo di impianti, facilitando l’attuale sacco che, lungi dall’esser fermato, prosegue in uno stillicidio quotidiano. La stessa Delibera, poi, è stata completamente disattesa in quelle parti che riguardano la rimozione degli impianti illegali, la copertura immediata della pubblicità irregolare e la revoca delle autorizzazioni per le aziende che calpestino le norme.”

“L’Assessore Bordoni, presentando le linee guida del Piano Regolatore Impianti Pubblicitari (PRIP), ha sottolineato la necessità di tutelare i luoghi pubblici e di
rispettare i vincoli di salvaguardia storica, architettonica, ambientale, archeologica. Non è certo tutto, ma almeno un segnale di discontinuità sarebbe ravvisabile. Ora si tratterà di vedere se, almeno per una volta, alle parole seguiranno i fatti e se davvero si comincerà ad assistere alla riduzione del numero dei cartelloni ed al ripristino del decoro urbano e della sicurezza.”

“Oggi è urgente porre uno stop definitivo al dilagare degli impianti pubblicitari irregolari, sia applicando le sanzioni previste sia procedendo all’oscuramento dei messaggi pubblicitari ed alla rimozione degli impianti. Poi, è altrettanto necessario adottare domani un Piano Regolatore che raccolga le indicazioni proprio della proposta popolare, per stabilire regole che, nel tempo, garantiscano la tutela della città. L’appuntamento, del Consiglio aperto, è giovedì 18 novembre alle ore 10 presso la Sala del Consiglio del Municipio Roma XI in via Benedetto Croce, 50”
Il Presidente del Municipio Roma XI

Andrea Catarci

“Fare Partecipazione Conviene: amministrazione nuova e nuova cittadinanza”

giovedì 11 novembre tutto il giorno alla Città dell’Altraeconomia i Comuni e i Municipi del Lazio si incontrano per parlare di Partecipazione.
C’è un gruppo di Comuni e Municipi in Lazio che continua a credere nella Partecipazione e a portarla avanti nonostante le difficoltà. Secondo queste amministrazioni l’esperienza dei Bilanci Partecipativi e degli altri processi di partecipazione sviluppati negli ultimi anni nella regione ha dato l’opportunità agli Enti Locali e ai loro cittadini di sperimentare un nuovo modo di governare più inclusivo, condiviso, aperto alle idee e alle necessità delle persone.
Alcuni Comuni e Municipi hanno scelto di auto-organizzarsi per sostenere le loro esperienze di partecipazione considerandola ormai imprescindibile nella gestione delle loro politiche. A tale scopo hanno cooperato nella costruzione di una Rete il cui “Obiettivo fondamentale […] è lo scambio di esperienze, la promozione della cultura della partecipazione presso tutti i soggetti, la formazione critica, la promozione di iniziative, il sostegno reciproco, la ricerca di percorsi istituzionali innovativi.” (Dal Manifesto della Rete dei Comuni e Municipi
del Lazio per la Partecipazione).
Ora la Rete ha deciso di invitare a confrontarsi su questo argomento tutti i Comuni del Lazio, tutti i Municipi di Roma, le Provincie del Lazio e la Regione in nel Forum di discussione “Fare Partecipazione conviene: amministrazione nuova e nuova cittadinanza” che si terrà giovedì 11 novembre 2010 dalle 10.00 alle 17.00 negli spazi della Città dell’Altraeconomia (ex mattatoio, Testaccio). Alla giornata sono invitati tutti i rappresentanti dei Comuni del Lazio e dei Municipi di Roma, i rappresentanti delle Provincie del Lazio, la Presidente della Regione Renata Polverini e l’Assessore al Bilancio, alla Programmazione Economica e Finanziaria e alla Partecipazione, e quanti siano stati
coinvolti a vario titolo nella Partecipazione e vi si sono appassionati.

*Rete dei Comuni e Municipi del Lazio per la Partecipazione
*
email: retepartecipazionelazio@gmail.com
sito:* http://lazio.partecipato.it*

Sanità: alla Regione Lazio il CTO non interessa, si festeggia lo Statuto!

Comunicato del 3 novembre 2010

“La Polverini ce l’ha fatta, recita un manifesto del centro destra regionale sottolineando il via libera del Governo Berlusconi al Piano di Riordino sulla sanità. Che la Presidente ce l’abbia fatta significa che si procederà agli annunciati tagli di oltre 2850 posti letto e alla chiusura o al ridimensionamento di 24 ospedali nel territorio della Regione Lazio, tagliando il diritto alla salute, penalizzando le strutture pubbliche e favorendone alcune di quelle private. Tra i sacrifici imposti c’è quello dell’ospedale CTO, un’eccellenza orto-traumatologica regionale a cui si riserva la chiusura del Pronto Soccorso, la riduzione dei letti persino in Ortopedia e Rianimazione, lo spostamento dell’Unità Spinale, la riduzione dell’eliporto a centro di transito. Con il CTO morirà il diritto alla salute di un pezzo di Roma, quelle 140.000 persone del Municipio XI che, tra le più anziane della città, non disporranno più di un solo presidio ospedaliero.

Nonostante le numerose manifestazioni che si stanno susseguendo, nonostante lettere e richieste di incontro in cui ho personalmente espresso alla Presidente Polverini la disponibilità a contribuire alla riscrittura complessiva del Piano di Riordino, nessuno si è degnato di fare neanche una telefonata per sapere in cosa si sostanziassero le ragioni del Municipio XI e della cittadinanza locale. L’unica telefonata giunta di recente dalla Presidenza della Regione Lazio aveva come argomento, nientemeno, che l’invito alle celebrazioni dell’anniversario dello Statuto …”

Il Presidente del Municipio Roma XI, Andrea Catarci