Browse Category

Società

Da un anno nel Municipio XI c’è un ‘Giardino Ideale’

Comunicato del 18 maggio 2011

“Il Centro di aggregazione sociale del Municipio XI “IL GIARDINO IDEALE” compie un anno. Dalla sua nascita tanti progetti hanno preso forma per dare uno spazio ai ragazzi del territorio, in particolare a quelli in situazione di disagio e diversamente abili, dove poter approfondire l’apprendimento di materie artistiche e innovative. La dimostrazione sta nei numerosi corsi di informatica, musica, pittura, ceramica, organizzati e gestiti dalle associazioni 180 amici, Annarella e Cara Garbatella nonché dalla Cooperativa Sociale Obiettivo Uomo.”

“Il tutto si è reso possibile grazie ai finanziamenti della Provincia di Roma e alla convenzione stipulata tra Enti Sociali e il Municipio XI. In un momento in cui è in discussione il Bilancio 2011, l’esperienza locale dovrebbe insegnare a Sindaco ed Assessori che le risorse economiche sottratte al finanziamento di progetti similari sono causa di danni enormi verso i più deboli, che chiedono solo e soltanto una cosa: integrazione.” – dichiarano Andrea Beccari, Assessore alle Politiche sociali del Municipio XI e Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma XI.

Domani, Giovedì 19 Maggio alle ore 16.00 in via Ignazio Guidi n. 92, zona piazza dei Navigatori  si festeggerà l’anniversario dello spazio sociale, con la visita del Presidente della Provincia Nicola Zingaretti.

“Le famiglie omogenitoriali nel Municipio Roma XI”

Comunicato del 18 gennaio 2011

In una sala Consiliare stracolma di gente, si è tenuto oggi nel Municipio Roma XI, il primo  incontro del Corso di Aggiornamento per educatori di asilo nido ed insegnanti di scuola dell’infanzia ed aperto a tutti i cittadini interessati,  sulla realtà delle famiglie omogenitoriali . “In Italia, sono ben 100.000 i bambini figli di genitori omosessuali, con questa importante iniziativa, unica sul territorio cittadino, si vuole offrire un’occasione significativa e qualificata per approfondire la conoscenza degli aspetti sociologici e psicologici di tale realtà, cercando di far  acquisire agli educatori e agli insegnanti – dichiara il Presidente del Municipio Roma XI, Andrea Catarci – gli strumenti concreti per rispondere adeguatamente, all’operatività quotidiana e agli interrogativi pedagogici che sempre più spesso, vengono posti loro”

“Le innumerevoli presenze di operatori, venuti anche da altri Municipi, alcuni addirittura da fuori Roma, stanno a dimostrare quanto questo progetto sia necessario in una società come la nostra in cui la famiglia non è più solo quella tradizionale. Ancora una volta la Società dimostra di essere più avanti di chi la governa – conclude l’Assessora alle Politiche Culturali e Pari Opportunità, Carla Di Veroli”

F1: perché no sull’Appia Antica?

Comunicato del 5 gennaio 2010

“Dopo le bizzarre esternazioni di Flammini che, oltre a voler portare i bolidi della Formula 1 all’Eur, ora vorrebbe organizzare una gara di sci al Circo Massimo, non ci resta che attendere qualcuno, vicino alla Giunta Alemanno, che proponga di asfaltare l’Appia Antica come circuito per la F1 e magari con i Box a Cecilia Metella o direttamente nelle Catacombe.   – dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma XI –

“Non stupirebbe che il Sindaco si spingesse a lanciare l’ennesima boutade stavolta al riguardo della Regina Viarum, visto che nei suoi due bilanci non ha riconosciuto neanche un euro per la lotta all’abusivismo e al ripristino delle stato dei luoghi, da tempo terreno prioritario di impegno per il Municipio Roma XI. Ormai a Roma la finzione sostituisce progetti e realtà, si è solo a metà della consiliatura e gli esponenti del centro destra sembrano volersi spingere ancora oltre (dopo la F1, il Parco a tema, la demolizione e ricostruzione Tor Bella Monaca, lo sci al Circo al Massimo, ecc.) fino a far concorrenza a Cetto La Qualunque.”

Scontri Roma: La Russa Ministro fasullo come re Giovanni d’Inghilterra

Comunicato stampa del 17 dicembre 2010

“Il Ministro La Russa, novello Re Giovanni d’Inghilterra, insulta, strepita, aggredisce gli studenti presenti alla trasmissione Anno zero. Come il più famoso personaggio è sempre di più la macchietta di se stesso e la prova di un centro destra in piena crisi di nervi prima ancora che in conclusione dell’esperienza di governo. A La Russa che si lascia andare all’amorevole la polizia vi spazza via tutti quando vuole fa eco l’ipocrisia del Sindaco Alemanno, che si è scaglia contro la magistratura, rea di aver scarcerato i giovani fermati il 14 dicembre. Dovrebbero sapere, se non altro per i loro trascorsi di militanza nella destra, che durante gli scontri di piazza di cose ne succedono tante e che le responsabilità personali vanno minuziosamente accertate prima di lanciarsi in arbitrarie dichiarazioni da giustizia sommaria.
Il giustificazionismo ed il garantismo di cui i due esponenti del PDL fanno sempre sfoggio per sé stessi e per il proprio passato, nonché per i compagni di partito da ultimo coinvolti nello scandalo di Parentopoli, lascia il posto ad un atteggiamento decisamente forcaiolo quando si tratta di guardare alle mobilitazioni sociali. Non perdono occasione, i due, di parlare alla pancia degli italiani gettando irresponsabilmente benzina sul fuoco. Eppure, mentre si è già proceduto alla convalida degli arresti per i giovani coinvolti, gli odiosi abusi della polizia documentati in diversi video non hanno avuto ad oggi alcuna conseguenza. Come si è potuto rivedere a Anno Zero, a Piazzale Flaminio un manifestante disteso a terra viene accerchiato da una decina di agenti del reparto celere, trascinato, manganellato e colpito con  calci in testa, sul petto, vicino al volto e sui reni. Saranno condannati per aggressione, violenza, lesioni e tentato omicidio, come richiederebbe in questo caso l’attuale codice penale, o chi indossa la divisa gode di una totale ed antidemocratica impunità? La russa e il Sindaco non hanno visto le immagini o su di esse hanno scelto un indecoroso ed ipocrita silenzio?”.

Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma XI

Sugli scontri di Roma Alemanno fa l’ipocrita

Comunicato stampa del 16 dicembre 2010

“Nel segno dell’ipocrisia Alemanno si scaglia contro la magistratura per
la scarcerazione di 11 giovani fermati il 14 dicembre mentre in Parlamento
si votava la fiducia al Governo Berlusconi. Dovrebbe sapere, se non altro
per i suoi trascorsi di militanza nella destra che l’hanno anche portato a
scontare qualche mese di detenzione, che durante gli scontri di piazza di
cose ne succedono tante e che le responsabilità personali vanno
minuziosamente accertate prima di lanciarsi in arbitrarie dichiarazioni di
giustizia sommaria.
Il giustificazionismo ed il garantismo di cui fa sempre sfoggio per sé e
per il suo passato, nonché per Assessori ed amici coinvolti nello scandalo
di Parentopoli e ancora saldamente ai loro posti in incarichi pubblici (da
cui non sono stati neanche temporaneamente sospesi), lascia il posto ad un
atteggiamento decisamente forcaiolo quando si tratta di guardare alla
manifestazione del 14 dicembre. Il Sindaco non intende perdere occasione
di parlare alla pancia di un pezzo di città e getta irresponsabilmente
benzina sul fuoco nel tentativo di influenzare le future decisioni della
magistratura. Eppure, mentre si è già proceduto alla convalida degli
arresti per i giovani coinvolti, gli odiosi abusi della polizia
documentati in diversi video non hanno avuto ad oggi alcuna conseguenza. A
Piazzale Flaminio, per esempio, un manifestante disteso a terra viene
accerchiato da una decina di agenti del reparto celere, trascinato,
manganellato e colpito con  calci in testa, sul petto, vicino al volto e
sui reni. Saranno condannati per aggressione, violenza, lesioni e tentato
omicidio, come richiederebbe in questo caso l’attuale codice penale, o chi
indossa la divisa gode di una totale ed antidemocratica impunità? Il
Sindaco non ha visto le immagini o ha scelto un indecoroso ed ipocrita
silenzio?”.

Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma XI