Browse Category

Roma Capitale

Scuola: sul modello organizzativo nessun coinvolgimento dei Municipi

Comunicato Stampa del 4 luglio 2014

Scuola: sul modello organizzativo nessun coinvolgimento dei Municipi

“Dopo essere stati costretti a prendere atto della decisione di mettere in secondo piano i nidi pubblici nell’apertura del mese di luglio, voluta dagli Uffici centrali, ora si sta procedendo alla riorganizzazione complessiva dei servizi educativi senza coinvolgere nel ragionamento gli Enti di prossimità. La logica del prendere decisioni fondamentali per la gestione di servizi fondamentali senza coinvolgere quelle articolazioni dell’Amministrazione che saranno chiamate poi ad applicare tali decisioni, oltre che essere miope è dannosa. – dichiarano Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma VIII e Paola Angelucci, Assessora alla Scuola del Municipio Roma VIII – Si è dovuta fronteggiare per tutto l’ultimo anno scolastico l’impossibilità di sostituire il personale educativo assente ed oggi si prefigura un’ulteriore operazione che porterà più problemi e disagi che benifici. Il fronte sindacale e del personale è compatto nel respingere le attuali proposte, volte più all’aumento dei carichi di lavoro (orario più lungo e diverso rapporto educatrici/bambini) che alla qualità dei servizi offerti.”

“La scuola non è una azienda ed i calcoli ragionieristici non funzionano per portare avanti i progetti educativi. E’ un bene comune da tutelare e rilanciare, investendo risorse per garantire a tutti bambini, famiglie,  insegnanti e operatori, un livello degno della Capitale d’Italia.” – concludono Catarci e Angelucci

Municipio VIII: approvato il bilancio di previsione 2014

Comunicato Stampa 9 giugno 2014


Il Consiglio Municipale Roma VIII  ha approvato il Bilancio 2014.

“Il Bilancio appena approvato contiene strettoie e ostacoli, ma è l’unica via possibile da percorrere per riparare ai guasti procurati nel corso degli anni. Insieme al si al documento contabile, il Municipio Roma VIII ha richiesto alla Giunta Capitolina  di impegnarsi a rivedere subito dopo l’estate gli stanziamenti previsti che, al momento, non raggiungono il consolidato del 2013, con l’aggiunta di 500.000 euro per i servizi sociali, 250.000 euro per ambiente, territorio e lavori pubblici e 50.000 euro per la cultura, per un totale di 800.000 euro.”

“In altri ordini del giorno collegati, poi, si è sostenuta la necessità di allentare il vincolo del patto di stabilità, che incide negativamente sulla gestione delle risorse rendendone indisponibile una parte consistente; fare in modo di poter spendere tutto quel che si ha per garantire la tenuta dei servizi sociali, la manutenzione stradale e del verde, il funzionamento quotidiano degli asili e delle scuole; di procedere ad una gestione delle entrate fiscali più legata ai territori e alle Amministrazioni municipali.”

“In questo senso è necessario approvare al più presto l’articolo 46 del nuovo testo del regolamento sul decentramento amministrativo, affinché si riconoscano ai Municipi forme innovative di gestione delle risorse a livello territoriale.”

Dichiarazione del Presidente del Municipio Roma VIII, Andrea Catarci, e del Vice Presidente e Assessora alle Politiche di Bilancio il Municipio Roma VIII

Salario Accessorio: pronti a confronto e a sostenere i dipendenti

Comunicato Stampa del 6 maggio 2014

Salario Accessorio: pronti a confronto e a sostenere i dipendenti

“Con altri rappresentanti delle Istituzioni Municipali ci siamo trovati in Piazza del Campidoglio assieme a migliaia di dipendenti capitolini, che vedono messo a repentaglio il loro stipendio dai tagli indistinti proposti dagli emissari del Ministero dell’Economia e Finanze. La mobilitazione odierna è stato un atto necessario per sottolineare la contrarietà a quanto paventato, che è un vero e proprio ricatto: per continuare ad erogare il contributo statale per appianare le lacune economiche ultradecennali del bilancio comunale, il governo Renzi pretende che Roma Capitale proceda al taglio cospicuo degli stipendi dei propri dipendenti.”

“Roma è chiamata a reperire risorse aggiuntive, procedendo a tagli sulla spesa corrente nonché a riorganizzare radicalmente la macchina amministrativa. Per farlo deve poter scegliere in piena autonomia e senza alcun condizionamento esterno quali siano le voci da eliminare, modificare o ridimensionare. Non si può far cassa tagliando 200 euro al mese a chi ha uno stipendio medio di 1.200/1.300 euro.”

“Per questo si rinnova la disponibilità già data a lavoratori, sindacati e al confronto richiesto, e ad affiancare la loro giusta mobilitazione ed a rafforzarla davanti al governo nazionale, chiedendo anche maggiore determinazione alla Giunta comunale. Perché se si dovesse malauguratamente procedere al taglio delle retribuzioni, oltre alla mortificazione di migliaia di famiglie ridotte ai limiti della soglia di povertà, ne risentirebbero i servizi pubblici con inevitabili chiusure, parziali o totali. Roma, i cittadini e i dipendenti meritano maggiore attenzione e rispetto.” – dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma VIII